Pubblicità

Farmaci: italiani farmacodipendenti, 30 confezioni a testa in un anno

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 283 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roma, 7 lug. (Adnkronos Salute) - Italiani sempre più farmacodipendenti. Nel 'pellegrinaggio' tra le farmacie pubbliche e private sono stati acquistati solo nel 2010 circa 1,8 miliardi di confezioni di medicinali. Qualcosa come 30 a testa l'anno. Una 'passione' per pillole e sciroppi che 'brucia' complessivamente 26 miliardi di euro l'anno. A fotografare gli italiani alle prese con i medicinali è l'ultima indagine dell'Osservatorio nazionale sull’impiego dei medicinali (Osmed), presentata a Roma.

 

Una storia d'amore "che in realtà accomuna i connazionali con il resto del mondo occidentale: qui vive un quarto della popolazione mondiale, che consuma l'80% dei farmaci", ricorda Roberto Raschetti, del Centro di epidemiologia, sorveglianza e promozione salute dell'Iss, a margine della presentazione del rapporto Osmed 2010. "Anche perché - prosegue l'esperto - è più facile inghiottire una pillola che modificare lo stile di vita".

 

Tratto da: "yahoo.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni