Pubblicità

Feedback negativi e creatività. Chi crea i feedback e come si percepiscono?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 265 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (7 Voti)

Sebbene la maggior parte delle aziende oggi abbracci una cultura del feedback come metodo per migliorare le prestazioni lavorative, secondo un nuovo studio, quando i supervisori e i colleghi dispensano un feedback negativo, ciò può portare ad un effettivo arresto del processo creativo.

Feedback si a tutti i livelli ed in modo adeguato

Sebbene la maggior parte delle aziende oggi abbracci una cultura della critica, quando i supervisori e i colleghi dispensano feedback negativi possono effettivamente arrestare il processo creativo, secondo un nuovo studio di Yeun Joon Kim, dottorando presso l'Università di Toronto.

Kim, che ha lavorato come ingegnere del software per Samsung prima di proseguire i suoi studi universitari, ha avuto familiarità con il fatto che il suo lavoro creativo venga esaminato e, a volte, messo da parte o criticato.

"Personalmente odio sentire feedback negativi - come fa la maggior parte delle persone - e mi chiedevo se avesse davvero migliorato le mie prestazioni, in particolare quando si trattava di completare attività creative", afferma Kim, che è entrato a far parte della Cambridge Judge Business School come docente.

Questo è un problema a cui molti altri ricercatori si sono avvicinati. La letteratura si divide quando si tratta di determinare se la critica ispira o inibisce il pensiero creativo. In questa nuova indagine, Kim e il coautore Junha Kim, uno studente di dottorato presso la Ohio State University, hanno osservato - attraverso un esperimento sul campo e un esperimento di laboratorio - e hanno riferito il concetto in base al quale ricevere feedback negativi potrebbe influire sulla creatività dei destinatari del feedback.

In entrambi gli studi, Kim ha scoperto che il feedback negativo può aiutare od ostacolare la creatività. Ciò che è risultato più importante è la provenienza delle critiche.

Quando i professionisti creativi o i partecipanti ricevevano critiche da un capo o da un collega, tendevano a essere meno creativi nel loro lavoro successivo. È interessante notare che se un individuo riceveva un feedback negativo da un dipendente di rango inferiore, diventava più creativo.

Alcuni aspetti di questi risultati sembrano intuitivi, afferma Kim "è logico che i dipendenti si sentano minacciati dalle critiche dei loro manager, i supervisori hanno molta influenza nel decidere promozioni o aumenti di stipendio. Quindi il feedback negativo di un capo potrebbe innescare ansie rispetto al futuro della carriera".

È anche logico che il feedback di un collega potrebbe anche essere ricevuto come minaccioso. Spesso entriamo in competizione con i nostri colleghi per le stesse promozioni ed opportunità.

Pubblicità

Quando sentiamo quella pressione dall'alto o dai nostri colleghi, tendiamo a fissarci sugli aspetti stressanti e finiamo per essere meno creativi nel nostro lavoro futuro, afferma nello studio l'autore.

Ciò che Kim ha trovato più sorprendente è stato il modo in cui le critiche si sono dimostrate utili per i supervisori quando il feedback negativo proveniva dai loro dipendenti di cui erano responsabili.

"È un po 'controintuitivo perché tendiamo a credere che non dovremmo criticare il capo", afferma Kim. "In realtà, la maggior parte dei supervisori è disposto a ricevere feedback negativi ed imparare da essi. Non è che gli piacciano le critiche, piuttosto, si trovano in una posizione di potere naturale e possono affrontare meglio il disagio del feedback negativo".

Aspetti chiave: capi e colleghi devono essere più attenti quando offrono feedback negativi a qualcuno di cui sono responsabili o ai loro colleghi. E i destinatari del feedback devono preoccuparsi meno quando si tratta di ricevere critiche, afferma Kim.

"La parte difficile dell'essere un manager è sottolineare le scarse prestazioni o i punti deboli di un collaboratore. Ma è una parte necessaria del lavoro", ricorda Kim. "Se sei un supervisore, tieni presente che il tuo feedback negativo può danneggiare la creatività dei tuoi dipendenti. Pertanto, mantieni il tuo feedback specifico per le attività. Spiega in che modo il punto di cui stai discutendo si riferisce solo a il comportamento del compito lavorativo e non agli aspetti della persona ".

"Non criticare sconsideratamente. Chiunque voglia offrire un feedback negativo sul lavoro dovrebbe farlo - con discrezione e sensibilità".

 

 

 

Riferimento:

  • University of Toronto, Rotman School of Management. "To keep the creative juices flowing, employees should be receptive to criticism." S.D. 4 April 2019.

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giulinao)

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: potenziale creativo feedback negativo colleghi prestazioni lavorative

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni