Pubblicità

Felicità coniugale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 390 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n.75 (2.9.2001)

Due nuovi studi presentati nelle settimane scorse a San Francisco durante il meeting dell'American Psychological Association hanno esplorato i segreti del successo della vita coniugale e cosa rende felice e duraturo un matrimonio. Da quanto si è ricavato dal lavoro di intervista svolto dai ricercatori di due università statunitensi (Washington e Los Angeles) su circa 180 coppie, si rileva che, contrariamente alle aspettative, non è tanto importante il fattore della reciproca compatibilità tra i coniugi, quanto piuttosto gli stili di attaccamento fatti propri dai singoli partners fin dall'infanzia a svolgere un ruolo importante nella riuscita matrimoniale.

La ricerca , infatti, era partita dal presupposto di verificare quali tipi di coppie conseguissero delle unioni più durature e armoniose, se quelle cioè in cui i coniugi avevano personalità simili o al contrario molto diverse o opposte; i risultati hanno invece mostrato che non c'era una differenza significativa su questi aspetti specifici. "La compatibilità caratteriale non appare realmente collegata alla riuscita del rapporto tra i coniugi.."- dice la dr.ssa Krista Sutherland, che ha condotto lo studio - "..I risultati mostrano invece che l'intimità all'interno delle relazioni coniugali è influenzata soprattutto da come i coniugi hanno assimilato gli schemi di attaccamento emotivo positivo durante la loro infanzia, e come ciascuno di essi riesca quindi a riproporli col proprio partner..".

La rilevazione dei dati, avvenuta attraverso questionari e tests specifici, è stata diretta su alcuni aspetti particolari del comportamento di attaccamento adulto, come l'intensità dei sentimenti di vergogna ed il grado di intimità reciproca; i ricercatori, infatti, hanno postulato che gli adulti che sviluppano un attaccamento positivo e funzionale al rapporto coniugale abbiano provato in infanzia e adolescenza meno intensi sentimenti di vergogna e una maggiore capacità di intimità in ambito interpersonale (precedenti ricerche sull'argomento hanno infatti già rilevato il collegamento tra i sentimenti patologici di vergogna e una scarsa intimità nel rapporto tra i partner).

Nello studio in esame, sono stati individuati tre stili principali di attaccamento tra i coniugi: sicuro, ansioso-ambivalente ed evitante. I dati mostrano quindi che i soggetti che presentano uno stile di attaccamento sicuro hanno anche livelli minori di sentimenti di vergogna ed alta capacità di intimità, mentre i valori più bassi vengono dal gruppo con attaccamento ansioso-ambivalente; contrariamente alle aspettative, il gruppo caratterizzato da attaccamento evitante presenta solo moderati sentimenti di vergogna, mentre l'autostima è addirittura paragonabile al gruppo dei "sicuri".

"Possiamo dire quindi .." - conclude la dr.ssa Clarence M.Leung, psicologa presso la Fuller Theological Seminary e coautrice della ricerca - "..che già in età precoce i bambini hanno un proprio stile di attaccamento che determinerà in futuro il rapporto col coniuge e la qualità della propria vita matrimoniale..".

(tratto da:"New Studies Examine Marital Happiness"-United Press International - August 26, 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni