Pubblicità

Felicità coniugale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 330 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n.75 (2.9.2001)

Due nuovi studi presentati nelle settimane scorse a San Francisco durante il meeting dell'American Psychological Association hanno esplorato i segreti del successo della vita coniugale e cosa rende felice e duraturo un matrimonio. Da quanto si è ricavato dal lavoro di intervista svolto dai ricercatori di due università statunitensi (Washington e Los Angeles) su circa 180 coppie, si rileva che, contrariamente alle aspettative, non è tanto importante il fattore della reciproca compatibilità tra i coniugi, quanto piuttosto gli stili di attaccamento fatti propri dai singoli partners fin dall'infanzia a svolgere un ruolo importante nella riuscita matrimoniale.

La ricerca , infatti, era partita dal presupposto di verificare quali tipi di coppie conseguissero delle unioni più durature e armoniose, se quelle cioè in cui i coniugi avevano personalità simili o al contrario molto diverse o opposte; i risultati hanno invece mostrato che non c'era una differenza significativa su questi aspetti specifici. "La compatibilità caratteriale non appare realmente collegata alla riuscita del rapporto tra i coniugi.."- dice la dr.ssa Krista Sutherland, che ha condotto lo studio - "..I risultati mostrano invece che l'intimità all'interno delle relazioni coniugali è influenzata soprattutto da come i coniugi hanno assimilato gli schemi di attaccamento emotivo positivo durante la loro infanzia, e come ciascuno di essi riesca quindi a riproporli col proprio partner..".

La rilevazione dei dati, avvenuta attraverso questionari e tests specifici, è stata diretta su alcuni aspetti particolari del comportamento di attaccamento adulto, come l'intensità dei sentimenti di vergogna ed il grado di intimità reciproca; i ricercatori, infatti, hanno postulato che gli adulti che sviluppano un attaccamento positivo e funzionale al rapporto coniugale abbiano provato in infanzia e adolescenza meno intensi sentimenti di vergogna e una maggiore capacità di intimità in ambito interpersonale (precedenti ricerche sull'argomento hanno infatti già rilevato il collegamento tra i sentimenti patologici di vergogna e una scarsa intimità nel rapporto tra i partner).

Nello studio in esame, sono stati individuati tre stili principali di attaccamento tra i coniugi: sicuro, ansioso-ambivalente ed evitante. I dati mostrano quindi che i soggetti che presentano uno stile di attaccamento sicuro hanno anche livelli minori di sentimenti di vergogna ed alta capacità di intimità, mentre i valori più bassi vengono dal gruppo con attaccamento ansioso-ambivalente; contrariamente alle aspettative, il gruppo caratterizzato da attaccamento evitante presenta solo moderati sentimenti di vergogna, mentre l'autostima è addirittura paragonabile al gruppo dei "sicuri".

"Possiamo dire quindi .." - conclude la dr.ssa Clarence M.Leung, psicologa presso la Fuller Theological Seminary e coautrice della ricerca - "..che già in età precoce i bambini hanno un proprio stile di attaccamento che determinerà in futuro il rapporto col coniuge e la qualità della propria vita matrimoniale..".

(tratto da:"New Studies Examine Marital Happiness"-United Press International - August 26, 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni