Pubblicità

Firenze - Genitori che si separano e Figli

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 409 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Martedì 28 aprile 2009 alle ore 21 presso la Sala Paradiso Villa Bandini in Via Ripoli, 118 a FIRENZE, l'Associazione LE MUSE di Prato, in collaborazione con l'Assessore alla Cultura del Comune di Firenze, il Presidente del Consiglio di Quartiere 3, la Presidente della Commissione Cultura si terrà la presentazione del libro "SEPARAZIONI DISTRUTTIVE TRA CONFLITTUALITA' E ALIENAZIONE. Aspetti psicologici e giuridici".

Interverranno alla presentazione il Prof. Marino Maglietta docente universitario presso l’Università di Firenze, il Dott. Nicola Materassi docente esterno presso la Scuola di Psicologia Comparata, la Dott.ssa Irene Battaglini membro del consiglio direttivo dell’ Associazione “ Le Muse, Dott. Ezio Benelli e l'Autrice, Dott.ssa Antonella Parrini.
L'incontro sarà coordinato dalla dott.ssa Caterina Gestri.

All'incontro hanno concesso il loro patrocinio:
- Comune di Firenze
- Consiglio di Quartiere 3
- International Foundation Erich Fromm
- Associazione Crescere Insieme
- Scuola di Psicoterapia Comparata

Il volume “ Separazione distruttive tra conflittualità e alienazione” pubblicato da Edizioni Psiconline e che ha già registrato un notevole successo di pubblico e di critica, rientra fra le ultime pubblicazioni riguardanti la PAS e gli aspetti giuridici ad essa concatenata.
Quando una coppia si separa si verifica una mancata elaborazione della separazione e dell’assunzione delle reciproche responsabilità nel fallimento della propria unione, da parte della coppia e questo può dar luogo ad un rapporto conflittuale e disfunzionale.
I figli vengono coinvolti in triangolazioni familiari, assumendo loro stessi un ruolo attivo nel conflitto, e mettendo in atto di volta in volta strategie per risolvere i propri problemi familiari, che si esprimono anche con il rifiuto verso un genitore a favore dell’altro.
L’ambiente sociale e l’ambiente familiare rinforzano l’acquisizione di potere del bambino, che assume un atteggiamento adultomorfico, appoggiando il genitore più potente, quello che innesca l’azione programmante, e svilendo l’altro, il cui allontanamento potrà rendere difficile il processo di identificazione-differenziazione nel corso del suo sviluppo, e non permetterà un concreto confronto con la realtà, consolidando con più probabilità l’azione programmante.
In Italia non è stata data rilevanza al fenomeno della Sindrome di Alienazione Parentale (PAS), come si può osservare considerando il numero esiguo di lavori pubblicati e la mancanza di un chiaro e univoco riconoscimento della sindrome da parte della giurisprudenza rende l’attuazione degli interventi un problema complesso.

Leggi la scheda sul sito di Edizioni Psiconline

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Scrivere un articolo per farsi…

un professionista che vuole far conoscere il suo lavoro deve imparare a utilizzare i canali che la tecnologia  mette a nostra disposizione e la stesura di ...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni