Pubblicità

Fischio all’orecchio? È il cervello che non controlla gli stimoli rumorosi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 810 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I cosiddetti acufeni hanno le stesse origini del dolore cronico. Sono un’alterazione dei meccanismi cerebrali deputati alla regolazione delle sensazioni. Accade anche per gli arti amputati

10902545 kX7G U106023759828874M 700x394LaStampa.itSono fischi, ronzii, fruscii o addirittura pulsazioni quei rumori percepiti costantemente in una o entrambe le orecchie che vanno sotto il nome di acufeni.

Questi rumori fantasma, che non passano mai e possono rendere la vita impossibile, sono molto diffusi eppure alquanto difficili da risolvere alla radice.

Un passo avanti verso l’identificazione di nuove terapie viene da uno studio appena apparso sulla rivista Trends and Cognitive Sciences secondo il quale l’acufene avrebbe la stessa origine neurologica del dolore cronico. Si tratterebbe di un’alterazione dei meccanismi cerebrali di controllo degli stimoli dolorosi e rumorosi.

L’identificazione di tale anomalo funzionamento e delle aree interessate è avvenuta grazie al lavoro degli scienziati della Georgetown University Medical Center (GUMC) di Washington e dalla Technische Universität München (TUM) in Germania.

 

Tratto da La Stampa - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cervello orecchio fischio stimoli rumorosi acufeni meccanismi cerebrali sensazioni,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni