Pubblicità

Folie à deux and its Lessons for Two-Factor Theorists

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 362 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 

A chapter on ‘Delusions as Shared: folies à deux and the Madness of Crowds’. In it she highlights the puzzle that begins to emerge when shared beliefs can also qualify as delusional.

After all, it is ‘the solipsistic and idiosyncratically “private” nature of some states’ (Radden, 2011, p. 78) that many of us, including writers of traditional psychiatric texts, take to be pathognomonic of delusions, and yet these same psychiatric texts also include categories for shared delusions. The Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 4th edn., Text Revision (DSM-IV-TR), the most widely used diagnostic classification scheme for mental health research today, requires of a delusion that, ‘The belief is not one ordinarily accepted by other members of the person's culture or subculture (e.g. it is not an article of religious faith)’ (p. 765). And yet, the DSM-IV-TR also includes ‘Shared psychotic disorder’, to be diagnosed when a delusion of similar content develops in an individual who is in a close relationship with another person who already has the delusion. Likewise, the International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems, Tenth Revision (ICD-10), the other widely used system for diagnosing mental disorders, includes ‘Induced delusional disorder’, to be diagnosed when two people share the same delusion and support each other in the belief. In each case, there needs to be a limited degree of sharing, however. So, while I agree with Jennifer Radden that there is much to be learned about the factors that promote delusions by also considering the factors that promote ‘folie à plusieurs’, or a madness of crowds, I will restrict my own comments to the variants of ‘folie à deux’ that dominate the clinical literature, including the cases of ‘folie à trois’ and ‘folie à famille’ (madness of three, or within a family). This is because my primary aim in this paper is to consider the puzzle of folie à deux by adopting a cognitive neuropsychiatric approach to retrospectively analyse published cases.

 

Tratto da" wiley.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni