Pubblicità

Fondi insufficienti per le ricerche sull'infanzia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 352 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Uno studio recente condotto dalla Università di Yale rileva come in generale siano ancora pochi i fondi destinati alla ricerca dei disturbi psicologici della fascia di età primaria, nonostante sia stata posta in primo piano l’importanza della prevenzione e quindi la necessità di trattamenti precoci per evitare il rischio di patologie strutturate che incidono in maniera peante sui costi della salute pubblica. “Abbiamo riscontrato - dice la dott.ssa Sarah Horwitz, docente del Dipartimento di Epidemiologia e Salute Pubblica presso la Yale School of Medicine - come ci sia una divaricazione costante tra i programmi e le pianificazioni approntati per affrontare le problematiche psicologiche relative ai bambini e quanto viene successivamente effettivamente realizzato per loro, soprattutto a livello di ricerca e di primi interventi, che rimangono ancora molto al di sotto dello standard stabilito”.

Lo studio, che è stato pubblicato sul Journal of the American Medical Association, è stato condotto analizzando una vasta mole di dati provenienti dal database centrale del Dipartimento Federale per la Salute Pubblica, da cui risulta che solo il 2,3% dell’intera somma destinata agli interventi nel campo sanitario pubblico riguarda la ricerca e gli interventi in ambito infantile ed adolescenziale; delle oltre cento ricerche recenti finanziate con fondi del Dipartimento Federale, solo sei sono state quelle dirette a problematiche riguardanti l’infanzia e l’adolescenza…”Le problematiche degli adulti ricevono una attenzione molto maggiore – aggiunge la Horwitz – di circa 15 volte superiore a quella dei ragazzi..Il 20% degli adolescenti del nostro Paese presenta problemi di natura emotiva e comportamentale, ma soltanto una piccola parte di essi riceve attualmente gli interventi necessari..”.

Tratto da: “Mental Health Problems in Children “ - HealthNewsDigest.com – Sept.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni