Pubblicità

Fragole e mirtilli contro il declino cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 709 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le donne anziane che consumano regolarmente fragole e mirtilli preservano le loro capacità cognitive: lo sostiene uno studio condotto presso il Channing Laboratory, Brigham and Women's Hospital and Harvard Medical School di Boston e pubblicato sulla rivista Annals of Neurology.

Lo studio, di tipo osservazionale, è stato condotto su 16010 donne anziane ed è andato a valutare come il consumo di fragole e mirtilli nel lungo termine possa incidere sulle capacità cognitive.
Gli studiosi hanno scelto di valutare l’impatto delle fragole e dei mirtilli sulle capacità cognitive perché questi due frutti sono molto ricchi di flavonoidi, sostanze dalle note proprietà antiossidanti, ma questi due frutti contengono ottime quantità di antociani, molecole sempre appartenenti alla classe dei flavonoidi che passano molto bene la barriera emato encefalica e si vanno a localizzare di preferenza a livello dell’ippocampo, una zona cerebrale coinvolta nei processi mnemonici e dell’apprendimento.


Tratto da: "sanihelp.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters

0
condivisioni