Pubblicità

Fumare 20 sigarette al giorno può danneggiare la vista

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 645 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I grandi fumatori- quelli che fumano più di 20 sigarette al giorno - mostrano dei cambiamenti significativi nella vista dei colori rosso-verde e blu-giallo ed un'abilità ridotta di discriminare i contrasti ed i colori.

sigarette news

Un consumo eccessivo di sigarette, o una esposizione cronica al suo utilizzo, influenza la discriminazione visiva, questo supporta l'esistenza di deficit totali nel processamento visivo nella dipendenza dal fumo di sigarette.

"Il fumo delle sigarette consiste di numerosi composti che sono nocivi per la salute, ed è collegato ad una riduzione dello spessore degli strati cerebrali ed a lesioni cerebrali nelle aree dei lobifrontali.

Queste aree sono importanti per il controllo del pensiero e dei movimenti volontari. Inoltre è presente una diminuzione dell'attività nelle aree del cervello che processano le informazioni visive" ha spiegato il co-autore dello studio, pubblicato sul giornale "Psychiatry Research", il Dr. Steven Silverstein, direttore del centro di ricerca Rutgers University Behavioral Health Care.

"Gli studi precedenti hanno messo in luce come il fumare a lungo termine sigarette raddoppi il rischio di degenerazione maculare collegata all'età, ingiallimento delle lenti ed infiammazioni" ha spiegato Silverstein. Lo studio ha incluso 71 persone sane che fumavano poco meno di 15 sigarette e 63 che invece fumavano più di 20 sigarette al giorno.

I partecipanti sono stati diagnosticati come dipendenti dal fumo di sigarette e non riportavano nessun tentativo di smettere di fumare. I partecipanti erano tra i 25 ed i 45 anni ed avevano una vista normale o corretta al normale (la misurazione era data dall'osservazione delle cartelle cliniche standard dell'acuità visiva).

Pubblicità

Il Dr. Silverstein ed i colleghi osservarono come i partecipanti discriminavano i livelli di contrasto (delle sottili differenze nelle sfumature) e di colore, in una distanza di 59 pollici da un monitor di 19 pollici che mostrava stimoli mentre i ricercatori monitoravano entrambi gli occhi simultaneamente.

Le ricerche indicavano cambiamenti significativi nella visione dei colori rosso/verde e blu/giallo, che suggeriva che il consumo di sostanze neurotossiche chimiche, come quelle di sigarette, possa causare una perdita totale della discriminazione dei colori nella visione. I ricercatori hanno anche scoperto che i grandi fumatori hanno un'abilità ridotta nel discriminare i contrasti ed i colori se comparati con i non fumatori di sigarette.

"Fumare sigarette, o tabacco in generale, è dannoso per il sistema vascolare. Il nostro studio suggerisce che siano presenti anche danni ai vasi sanguigni ed ai neuroni della retina.

I risultati suggeriscono, inoltre, che ulteriori ricerche sui deficit di processamento visivo andrebbero effetuate su altre persone, come, ad esempio, sui pazienti schizofrenici che sono anche grandi fumatori o comunque studiando in modo approfondito le differenze tra i fumatori e non fumatori di sigarette" ha concluso il Dr. Silverstein.

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: sigarette colori fumo vista news di psicologia contrasto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

Le parole della Psicologia

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni