Pubblicità

Fumo e iperattività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1693 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Gli adolescenti con disturbo iperattivo e deficit dell’attenzione sarebbero più inclini al fumo ed a diventare regolari consumatori di sigarette, rispetto a coetanei che non hanno tali disturbi; è quanto emerso da una recente ricerca condotta presso la Scuola di Medicina dell’Università della Pennsylvania, apparsa sul numero di Luglio scorso della rivista “Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry”. Già precedenti studi sull’argomento avevano collegato la maggiore abitudine al fumo da parte di soggetti con disturbo di iperattività, mentre il presente ha centrato specificamente l’attenzione su una popolazione giovanile composta di studenti di scuole superiori.

“Questi risultati sono importanti – spiega la dott.Janet Audran, docente nel dipartimento di psichiatria della Penn’s School of Medicine – perché consentono di individuare la possibilità di abitudini dannose ad un’età giovanile e quindi a poter agire tempestivamente su di esse “.

I ricercatori , interessati a comprendere la natura di tale forte associazione tra sintomi di natura iperattiva ed abitudine al fumo, hanno ipotizzato che alla base potrebbe esserci il fatto che l’assunzione costante di nicotina può avere effetti compensatori nei soggetti con tale disturbo rispetto alle difficoltà di attenzione e concentrazione.

I dati ottenuti nella ricerca mostrano anche come vi siano alcuni sintomi del disturbo maggiormente associati alla pratica del fumo; gli adolescenti con significativi sintomi clinici di difficoltà di attenzione, per esempio, presentano una abitudine al fumo tre volte maggiore rispetto ai propri coetanei non iperattivi, mentre i soggetti con sintomi prevalenti di impulsività non sembrano associati significativamente al fumo.

Tratto da: “Adolescents with Inattention Problems More Likely to Smoke; Study Looks at Link between Adhd Symptoms”-AScribe Newswire – Jul.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters

0
condivisioni