Pubblicità

Fumo e iperattività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1057 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Gli adolescenti con disturbo iperattivo e deficit dell’attenzione sarebbero più inclini al fumo ed a diventare regolari consumatori di sigarette, rispetto a coetanei che non hanno tali disturbi; è quanto emerso da una recente ricerca condotta presso la Scuola di Medicina dell’Università della Pennsylvania, apparsa sul numero di Luglio scorso della rivista “Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry”. Già precedenti studi sull’argomento avevano collegato la maggiore abitudine al fumo da parte di soggetti con disturbo di iperattività, mentre il presente ha centrato specificamente l’attenzione su una popolazione giovanile composta di studenti di scuole superiori.

“Questi risultati sono importanti – spiega la dott.Janet Audran, docente nel dipartimento di psichiatria della Penn’s School of Medicine – perché consentono di individuare la possibilità di abitudini dannose ad un’età giovanile e quindi a poter agire tempestivamente su di esse “.

I ricercatori , interessati a comprendere la natura di tale forte associazione tra sintomi di natura iperattiva ed abitudine al fumo, hanno ipotizzato che alla base potrebbe esserci il fatto che l’assunzione costante di nicotina può avere effetti compensatori nei soggetti con tale disturbo rispetto alle difficoltà di attenzione e concentrazione.

I dati ottenuti nella ricerca mostrano anche come vi siano alcuni sintomi del disturbo maggiormente associati alla pratica del fumo; gli adolescenti con significativi sintomi clinici di difficoltà di attenzione, per esempio, presentano una abitudine al fumo tre volte maggiore rispetto ai propri coetanei non iperattivi, mentre i soggetti con sintomi prevalenti di impulsività non sembrano associati significativamente al fumo.

Tratto da: “Adolescents with Inattention Problems More Likely to Smoke; Study Looks at Link between Adhd Symptoms”-AScribe Newswire – Jul.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

News Letters

0
condivisioni