Pubblicità

Gamers' brains no different than yours or mine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 194 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Video games, which reveal disconnects between a set of young television addicts and their elders, could bridge a generation gap. While Mortal Combat , Grand Theft Auto , or Halo may be foreign to aging generations, a new study out of Washington University in St. Louis and the University of Toronto suggests that video games like these promote a kind of mental "expertise" that could prove to be useful in the non-virtual world - potentially in rehabilitation and for the elderly. Alan Castel, Ph.D., Washington University post doctorate fellow in psychology in Arts & Sciences, conducted a study to examine how video games can lead to a degree of expertise in certain domains, and how that might influence video game players' visual search patterns.

Castel's research compares twenty college-aged, expert video game players, those who log more than ten — and upwards of 20 — hours of game time per week, to non-players, to determine how video game specialization influences human visual attention capacity and our environmental stimuli search patterns.

Castel found, in short, that gamers showed a 20% reduction in response times as opposed to non-gamers, averaging reactions 100 milliseconds speedier than non-players'.

Normal visual search habits reflect our impatience — rather than wait, we anticipate. If we have recently attended to a location, after a delay we are sometimes slower to revisit this location. Castel relates the slower reaction times after long delays between cues to a common kitchen conundrum: "If you're searching the kitchen for a knife that you misplaced, you might look in one location," he explained. "If it's not there, you'll close the drawer, and look in other locations before you actually search that drawer again."

tratto da Washington University in St. Louis - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

News Letters

0
condivisioni