Pubblicità

Genitori e figli: studi sul sonno

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1393 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Uno studio suggerisce che i comportamenti dei genitori possono influenzare il sonno dei loro bambini.

genitori e figli studi sul sonnoUn nuovo studio indica che la durata del sonno dei bambini può essere influenzata dalla durata del sonno dei genitori, il che suggerisce che gli sforzi per affrontare il sonno insufficiente dei bambini possono richiedere interventi basati sulla famiglia.

I risultati di un sondaggio mostrano che una maggiore fiducia dei genitori nelle proprie capacità può aiutare i bambini a dormire a sufficienza, questo risultato è stato associato ad un aumento della durata del sonno del bambino di 0,67 ore al giorno, dopo aver controllato l'età del bambino, il sesso, razza/etnia, e l'educazione dei genitori.
Nel complesso, il 57 % dei genitori ha riferito di sentirsi "molto" o "estremamente" fiducioso nell’aiutare il loro bambino ad avere più ore di sonno.

Lo studio ha anche riscontrato che la durata del sonno del bambino era 0,09 ore al giorno in più per ogni aumento di 1 ora di durata del sonno del genitore.

"Il nostro studio suggerisce che educando i genitori circa la propria salute sul sonno e promuovendo una maggiore fiducia nella loro capacità di aiutare i loro bambini si ottengono potenziali aree di intervento per aumentare la durata del sonno del bambino, sia attraverso programmi formali, sia attraverso il consulto di studi pediatrici", ha detto l’ autore Corinna Rea, MD, istruttore in pediatria presso la Harvard Medical School e medico curante all'ospedale dei bambini di Boston.

I risultati dello studio sono pubblicati nel numero del 15 novembre del Journal of Sleep Clinical Medicine.

Per promuovere la salute ottimale, l'American Academy of Sleep Medicine raccomanda che i bambini di età compresa tra i 6 ei 12 anni dovrebbero dormire dalle 9 alle 12 ore regolarmente ogni giorno, per promuovere uno stato di salute ottimale.

Regolarmente dormire meno rispetto al numero di ore raccomandate è associato a problemi di attenzione, di comportamento, e di apprendimento, e aumenta rischi per la salute e la sicurezza. Lo studio ha anche valutato la relazione tra la durata del sonno del bambino e altri comportamenti e pratiche principali, tra cui il tempo trascorso davanti la tv e l'attività fisica.

"I nostri risultati possono anche suggerire che i comportamenti del genitore non riflettono uno 'stile di vita familiare,' ma piuttosto che il sonno dei genitori è direttamente collegata al sonno del bambino indipendentemente da altri comportamenti", ha spiegato Rea.

Lo studio ha coinvolto 790 genitori con un'età media di 41 anni. I loro figli, che erano di età compresa tra i 6 e i 12 anni, stavano partecipando in uno studio dell'obesità controllato in modo causale.

Gli assistenti di ricerca hanno somministrato un sondaggio per i genitori al telefono. Circa il 92 % degli intervistati erano madri. La durata media giornaliera di sonno era 6,9 ore per i genitori e 9.2 ore per i bambini.

Secondo gli autori, il disegno trasversale dello studio non consentiva un esame della causalità. Tuttavia, gli autori hanno notato che ci sono diversi mediatori potenziali per l'associazione tra il comportamento del genitore e la durata del sonno del bambino.

Ad esempio, i genitori possono influenzare la durata del sonno del bambino servendosi di modelli di ruolo, incoraggiando e sostenendo scelte sane del loro bambino, o attraverso la creazione di un orario della buonanotte  uguale per tutta la famiglia.

Lo studio è stato sostenuto dall’American Recovery and Reinvestment Act e da un finanziamento dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases del National Institutes of Health.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: genitorilità, influenze positive, programmazione,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni