Pubblicità

Gioco d'azzardo, Alcool e Ideazione suicidaria

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1431 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chi soffre di questo disturbo lo definisce peggio di una droga, un circolo vizioso dal quale è difficile uscirne.

Gioco dazzardo patologicoDa un recente studio è emersa una forte associazione tra gioco d’azzardo patologico, ideazione suicidaria e consumo eccessivo di alcool; il gioco d’azzardo patologico sembra essere causa delle difficoltà finanziare e relazionali che questi soggetti incontrano.

Si è osservato infatti come il giocare eccessivamente porti tali soggetti a sentirsi senza speranza, al punto di convincersi che l’unica via d’uscita sia il suicidio.

Circa il 70% delle persone che presentano un problema di dipendenza, quale quella dal gioco d’azzardo, sviluppano maggiormente pensieri suicidari in associazione al consumo di alcool, tanto da soddisfare altresì i criteri per la dipendenza da alcool. Lo studio pubblicato sull’Addictive Behaviors, si è appunto focalizzato sul rapporto tra quei giocatori d’azzardo che hanno riferito di avere ideazioni suicidarie, tanto da essere considerate come dei fattori predittivi di suicidio.

Coloro che cercano un trattamento di solito si rivolgono ad un esperto solo dopo cinque anni dall’aver sperimentato i danni derivanti dal gioco patologico; i ricercatori hanno valutato se il rapporto di gravità tra gioco d’azzardo e ideazioni suicidarie fosse moderato dal consumo di alcool, in un periodo temporale di 12 mesi. È stato preso in analisi sia il vissuto di ideazione suicidaria associato al consumo di alcool, sia nello specifico il solo consumo di alcool.

I risultati hanno indicato che il consumo di alcool aumenta in modo significativo le probabilità di ideazione suicidaria nei giocatori patologici, sottolineando come la probabilità di tale ideazione aumenti in relazione alla gravità della dipendenza da gioco. Sono state inoltre evidenziate delle differenze di genere; le donne con tali problematiche tendono a riferire maggiormente il pensiero suicida rispetto agli uomini.

Da queste premesse, i ricercatori suggeriscono di strutturare programmi educativi rispetto alle implicazioni negative dell’alcool e del gioco d’azzardo patologico, attraverso campagne informative sui rischi di tale comportamento, che come è stato sottolineato è un forte predittore di suicidio.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dipendenza trattamento fattori di rischio gambling consumo di alcool ideazione suicidaria comportamento patologico programmi educativi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

News Letters

0
condivisioni