Pubblicità

Gioco d’azzardo e alcool

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 404 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I giocatori d’azzardo associano più facilmente l’uso di alcool alla vincita piuttosto che alla perdita al gioco e affermano, durante i gruppi di auto aiuto, che per loro e più probabile aumentare l’uso di alcool durante i momenti di vincita piuttosto che nei momenti di perdita. Le vincite al gioco sembrano rinforzare i pensieri di uso di bevande alcoliche nella mente di un giocatore patologico e ciò spiega perché gioco d’azzardo e alcolismo spesso sembrano andare mano nella mano, affermano il dottor Martin Zacc e la sua equipe , del “centre for addiction and mental healt”, in Ontario (Canada).


Gli studiosi hanno osservato 154 giocatori patologici con correlati problemi di abuso alcolico durante le fasi di gioco. La maggioranza dei giocatori ha affermato di bere durante le vincite ma almeno una metà di questi ha affermato anche di aver l’abitudine di bere quando perde. Alla somministrazione di un test di associazione delle parole gioco/alcool i giocatori “vincenti” sembrano essere più abituati all’uso di alcool.

“ Queste ricerche suggeriscono che la terapia ha bisogno di focalizzarsi sulla ricerca di strade per rompere queste associazioni autoapprese o inconscie fra vincita e bere, in modo da evitare che il gioco non sia collegato automaticamente all’abuso di alcool per queste persone” afferma Sherry H. Stewart, ricercatore alla Dalhousie University. Fra le altre scoperete riportate nella ricerca troviamo:

* le informazioni raccolte dai giocatori patologici che chiamano le linee telefoniche di aiuto indicano che chi associa entrambi i problemi tende a avere un peggioramento nelle condotte di gioco, maggiori tendenze suicide e aumentata possibilità di uso di droghe rispetto ai giocatori senza dipendenza alcolica.

* chi beve anche moderate quantità di alcool, durante l’utilizzo di video poker tendono a giocare più a lungo, spendere più soldi e prendere rischi più grandi rispetto a coloro che non devono. I ricercatori affermano che l’uso di alcool diminuisce la percezione della soglia di rischio.

* un follow-up a distanza di un anno effettuato su ex giocatori d’azzardo ha dimostrato che coloro avevano contemporaneamente fatto abuso di alcol o droga durante il gioco erano in grado di evitare di giocare per un tempo maggiore rispetto a chi, invece, non ne aveva fato uso.
Questo dato apparentemente sorprendente sembra essere giustificato dal fatto che l’astinenza sia dal gioco che dall’alcol (o dalle droghe) consente “risparmi” decisamente consistenti che sembrano fungere da rinforzo in relazione al non uso di sostanze. Ciò lascia pensare che sia più facile risolvere i problemi abbinati piuttosto che il solo gioco d’azzardo patologico, nel singolo individuo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sig.ra (1553099447199)

Tiziana, 40     Buongiorno, vorrei avere un parere sulla mia storia di coppia che purtroppo mi sta logorando. ...

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters

0
condivisioni