Pubblicità

Gioco d’azzardo e alcool

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 375 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I giocatori d’azzardo associano più facilmente l’uso di alcool alla vincita piuttosto che alla perdita al gioco e affermano, durante i gruppi di auto aiuto, che per loro e più probabile aumentare l’uso di alcool durante i momenti di vincita piuttosto che nei momenti di perdita. Le vincite al gioco sembrano rinforzare i pensieri di uso di bevande alcoliche nella mente di un giocatore patologico e ciò spiega perché gioco d’azzardo e alcolismo spesso sembrano andare mano nella mano, affermano il dottor Martin Zacc e la sua equipe , del “centre for addiction and mental healt”, in Ontario (Canada).


Gli studiosi hanno osservato 154 giocatori patologici con correlati problemi di abuso alcolico durante le fasi di gioco. La maggioranza dei giocatori ha affermato di bere durante le vincite ma almeno una metà di questi ha affermato anche di aver l’abitudine di bere quando perde. Alla somministrazione di un test di associazione delle parole gioco/alcool i giocatori “vincenti” sembrano essere più abituati all’uso di alcool.

“ Queste ricerche suggeriscono che la terapia ha bisogno di focalizzarsi sulla ricerca di strade per rompere queste associazioni autoapprese o inconscie fra vincita e bere, in modo da evitare che il gioco non sia collegato automaticamente all’abuso di alcool per queste persone” afferma Sherry H. Stewart, ricercatore alla Dalhousie University. Fra le altre scoperete riportate nella ricerca troviamo:

* le informazioni raccolte dai giocatori patologici che chiamano le linee telefoniche di aiuto indicano che chi associa entrambi i problemi tende a avere un peggioramento nelle condotte di gioco, maggiori tendenze suicide e aumentata possibilità di uso di droghe rispetto ai giocatori senza dipendenza alcolica.

* chi beve anche moderate quantità di alcool, durante l’utilizzo di video poker tendono a giocare più a lungo, spendere più soldi e prendere rischi più grandi rispetto a coloro che non devono. I ricercatori affermano che l’uso di alcool diminuisce la percezione della soglia di rischio.

* un follow-up a distanza di un anno effettuato su ex giocatori d’azzardo ha dimostrato che coloro avevano contemporaneamente fatto abuso di alcol o droga durante il gioco erano in grado di evitare di giocare per un tempo maggiore rispetto a chi, invece, non ne aveva fato uso.
Questo dato apparentemente sorprendente sembra essere giustificato dal fatto che l’astinenza sia dal gioco che dall’alcol (o dalle droghe) consente “risparmi” decisamente consistenti che sembrano fungere da rinforzo in relazione al non uso di sostanze. Ciò lascia pensare che sia più facile risolvere i problemi abbinati piuttosto che il solo gioco d’azzardo patologico, nel singolo individuo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

News Letters

0
condivisioni