Pubblicità

Giovani e alcol, meglio i genitori «proibizionisti»

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 502 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO – Molto meglio bandire completamente l'alcol dalla vita degli adolescenti che consentire loro di bere qualche sorso sotto l'occhio vigile di mamma e papà. Essere più morbidi e permissivi, magari con l'intento di insegnare a bere in maniera responsabile, in realtà aumenta il rischio di abuso. A dirlo sono i ricercatori dell'università del Minnesota che, con un nuovo studio pubblicato sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs, sembrano proclamare la vittoria del “genitore-proibizionista” sul “genitore-amico”.

 

DUE SCUOLE DI PENSIERO – Quando si parla di giovani e alcol, in genere si scontrano due scuole di pensiero. Da un lato ci sono i genitori che scelgono la “tolleranza zero”, mentre dall'altro ci sono quelli che pensano che se il figlio deve proprio bere, allora è meglio che lo faccia a casa sotto il loro controllo. Per capire quale delle due strategie fosse quella vincente, i ricercatori del Minnesota hanno messo a confronto giovani americani e australiani, agli antipodi per quanto riguarda l'educazione al consumo di alcol: mentre per i primi vige il divieto assoluto di acquistare e consumare alcolici fino ai 21 anni, per gli altri la vita è un po' più facile.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni