Pubblicità

Giovani e alcol, meglio i genitori «proibizionisti»

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 416 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO – Molto meglio bandire completamente l'alcol dalla vita degli adolescenti che consentire loro di bere qualche sorso sotto l'occhio vigile di mamma e papà. Essere più morbidi e permissivi, magari con l'intento di insegnare a bere in maniera responsabile, in realtà aumenta il rischio di abuso. A dirlo sono i ricercatori dell'università del Minnesota che, con un nuovo studio pubblicato sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs, sembrano proclamare la vittoria del “genitore-proibizionista” sul “genitore-amico”.

 

DUE SCUOLE DI PENSIERO – Quando si parla di giovani e alcol, in genere si scontrano due scuole di pensiero. Da un lato ci sono i genitori che scelgono la “tolleranza zero”, mentre dall'altro ci sono quelli che pensano che se il figlio deve proprio bere, allora è meglio che lo faccia a casa sotto il loro controllo. Per capire quale delle due strategie fosse quella vincente, i ricercatori del Minnesota hanno messo a confronto giovani americani e australiani, agli antipodi per quanto riguarda l'educazione al consumo di alcol: mentre per i primi vige il divieto assoluto di acquistare e consumare alcolici fino ai 21 anni, per gli altri la vita è un po' più facile.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni