Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Gli adolescenti, in fatto di droghe, preferiscono parlare con la madre

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 255 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Quando affrontano in modo serio e ragionato i problemi legati all'uso ed abuso di sostanze, gli adolescenti americani sembrano credere che le madri ne sappiano di più e quindi preferiscono parlarne con loro. Lo rivela uno studio condotto da Michelle A. Miller-Day, professore di Scienza della Comunicazione al Penn State's College of Liberal Arts. "Il 70% degli adolescenti sentiti nello studio che abbiamo realizzato riferisce che trova molto più utile e proficuo parlare con la propria madre di problemi importanti per la propria vita. Il restante 30% si divide fra il padre (12%), i nonni (7.4%), i compagni di classe (7.4%) ed infine gli altri parenti prossimi (3%)." afferma chi ha realizzato lo studio. "E questa tendenza non sembra essere minimamente influenzata dalle differenze di razza o di costume."

Lo studio, dal titolo "Parent-Adolescent Communication about Alcohol, Tobacco and Other Drug Use" è apparso recentemente sul Journal of Adolescent Research. Sono stati intervistati 67 adolescenti fra gli 11 e i 17 anni, sia afro-americani che bianchi. A loro è stato sommministarto un questionario con domande relative all'uso e alla conoscenza di alcool, tabacco ed altre droghe (ATOD), alla capacità di parlarne in famiglia ed alla possibilità che nei 2 anni precedenti fosse stato loro offerta la possibilità di utilizzare droghe proibite seguita da un loro rifiuto.

"Dei 67 adolescenti intervistati, 29 hanno riferito di aver parlato con i loro familiari di problemi relativi all'uso e all'abuso di alcool, tabacco ed altre droghe. Un numero identico ha invece riferito di averne parlato solo con amici e compagni di scuola. IL risultato del mio studio suggerisce che gli adolescenti che parlano di questi argomenti con la loro famiglia sono poi significativamente capaci di estendere le loro informazioni ai loro compagni, all'interno di un rapporto fra pari" afferma Miller-Days.

"Partendo dal presupposto che gli adolescenti preferiscono parlare di argomenti importanti così come di droghe e dei rischi ad esse collegati in particolare con le loro madri, queste ultime risultano essere il target logico per i programmi di prevenzione e di educazione sanitaria", aggiunge la Professoressa. " A questo è poi necessario aggiungere che gli adolescenti sono fortemente influenzati dallo stile di vita delle loro famiglie e quindi risulta molto più utile realizzare interventi inseriti all'interno della normale routine di vita familiare piuttosto che "riunioni di discussione sulle droghe" una volta ogni tanto, così come suggerito dai piani di intervento attuali".

tratto da EurekAlert - 27.1.2003

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

News Letters

0
condivisioni