Pubblicità

Gli effetti dei filtri colorati sulla lettura nei dislessici

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 318 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I bambini di 9-10 anni con dislessia hanno impiegato minor tempo a leggere i passi di un libro per bambini tramite i filtri colorati, probabilmente grazie ad una attenuata eccitabilità della corteccia cerebrale.

 

LETTURA

Leggere è l'attività più difficile per un bambino con dislessia, ma potrebbe essere migliorata con l'uso dei filtri verdi. Uno studio descritto in un articolo di ricercatori francesi e brasiliani ha riportato velocità di lettura aumentate in volontari di 9-10 anni con dislessia che hanno usato filtri di colore verde.

Non è stato riscontrato però nessun effetto dovuto all'interazione della variabile filtro con l'età dei partecipanti. I filtri a colore sono stati usati per la prima volta nel 1982 per il trattamento di deficit di apprendimento. Sono stati anche utilizzati per i bambini con autismo e con il disturbo di iperattività e deficit attentivo (ADHD).

"Comunque studi sulla loro efficacia sono ancora limitati nel metodo. Noi invece abbiamo usato una metodologia molto rigorosa" spiega Milena Razuk, prima autrice dell'articolo, pubblicato sul giornale Research in Developmental Disabilities. I filtri non sono largamanete usati in Brasile data la mancanza di ricerche, mentre sono stati utilizzati già in qualche nazione come la Francia. Milena Razuk ,che ha completato il suo PhD ad Aprile al Cruzeiro do Sul University (São Paulo, Brazil), ha creato l'esperimento in collaborazione con la Paris Diderot University. Sono stati selezionati 36 bambini tra cui 18 con dislessia e 18 senza per lo studio nel Robert Debré Hospital a Parigi. I ricercatori decisero di usare filtri gialli e verdi nell'esperimento.

 

Pubblicità

 

LETTURA PIU' VELOCE

A tutti e 36 i bambini veniva chiesto di leggere passi di un libro per bambini adatti alla loro età di lettura. I testi erano sullo schermo del pc con un filtro verde, uno giallo oppure senza filtro. I loro movimenti oculari erano registrati con un "Mobile Eye Tracker": un dispositivo di tracciamento oculare certificato da un medico, consistente di occhialini su misura con delle videocamere che registravano i movimenti di ogni occhio singolarmente grazie a segnali di luce infrarossi. "Un bambino con dislessia fissa il suo sguardo sulle parole per un tempo maggiore per provare a comprendere meglio il testo.

" Mentre i filtri non influenzano la velocità di lettura nei bambini non dislessici, il dispositivo oculare ha riscontrato una differenza statisticamente significativa per i dislessici, i quali leggevano più velocemente con i filtri verdi rispetto a quando il testo era presentato con i filtri gialli o senza filtri. Loro fissavano lo sguardo nei gruppi di parole per 500 secondi confrontati con i 600 della lettura con il filtro giallo o senza, il periodo di fissazione con e senza filtri era invece di 400 per i bambini non dislessici". Gli autori dello studio spiegarono però che non hanno valutato se l'uso dei filtri migliorasse la comprensione di lettura e che questa dimensione ha bisogno di ulteriore esplorazione.

 

Pubblicità

 

DISLESSIA E' POCO COMPRESA

Le cause della dislessia sono ancora poco conosciute. In aggiunta alla difficoltà di lettura, altri deficit sono stati trovati essere associati al disturbo: includendo disturbi sensomotori. "C'è come una sorta di rumore che disturba la comunicazione tra il cervello ed il resto del corpo" spiega Razuk. L'uso di alcuni test ha mostrato che nè disturbi visivi nè intellettivi sono parte del disturbo anzi "Il QI (quoziente intellettivo) dovrebbe essere normale o intorno alla media". Nell'articolo, gli autori sostennero che l'aumento dei tempi di lettura con il filtro verde dovrebbe essere dovuto a cambiamenti nell'accessibilità degli stimoli visivi per il processamento del sistema nervoso centrale.

Altri studi hanno invece suggerito che i filtri colorati potrebbero ridurre l'ipereccitabilità corticale cerebrale, la quale potrebbe essere maggiore nei dislessici, attenuando quindi i contrasti degli stimoli visivi e cosi migliorando le prestazioni nella lettura. Questa idea è stata rinforzata da uno studio del 2015 nel quale la risonanza magnetica funzionale (fMRI) ha mostrato un'attivazione significativa della corteccia cerebrale durante la lettura con i filtri colorati (in questo caso maggiormente con il filtro di colore blu) a confronto con la lettura senza filtri. Gli autori hanno ipotizzato che i filtri riducessero lo stress visivo e la distorsione, migliorando la performance di lettura ed il processamento visivo. Il prossimo passo per il gruppo di ricerca dovrà essere l'utilizzo degli scanner fMRI per l'analisi delle attività cerebrali dei bambini dislessici mentre affrontano un compito di lettura.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: lettura news di psicologia Dislessia filtri

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni