Pubblicità

Gli effetti del cortisolo materno sullo sviluppo cerebrale del feto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3007 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo un recente studio, l’esposizione del feto al cortisolo materno durante il terzo trimestre della gravidanza ha dei benefici sulle future funzioni cognitive del bambino.

effetti del cortisolo

 

Il cervello umano subisce una serie complessa di cambiamenti dallo stato embrionale all’età adulta. Le varie fasi dello sviluppo sono precocemente influenzate dalle condizioni ambientali, incluse le esperienze in utero. Tuttavia, il neurosviluppo che si verifica durante il periodo fetale è maggiore rispetto a qualsiasi altro periodo della vita di un individuo e costituisce, pertanto, la fase in cui il cervello è più suscettibile agli stimoli ambientali.

Il cortisolo, ormone che regola una vasta gamma di processi corporei, è di fondamentale importanza per un sano sviluppo del cervello del feto. Questo ormone influenza vari stadi dello sviluppo neurologico, tra cui la neurogenesi, lo sviluppo assonale e la mielinizzazione. Gli effetti del cortisolo sono più evidenti in alcune aree del cervello, in cui è presente la maggior parte dei recettori del cortisolo, come l'amigdala, ippocampo e corteccia prefrontale.

Nello studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Denver, sono state reclutate 91 coppie madre – figlio per effettuare una misurazione dei livelli di cortisolo materno durante la diciannovesima e la trentunesima settimana di gravidanza. Inoltre, sono state valutate le funzioni cognitive di bambini tra i 6 e i 9 anni tramite misure standardizzate e l'uso di una scansione MRI ha permesso di esaminare lo spessore corticale.

Dai risultati di questo studio è emerso che i bambini sottoposti ad alti livelli di cortisolo materno durante il terzo trimestre della gravidanza, presentavano un aumento dello spessore corticale nelle aree frontali del cervello. Gli alti livelli di cortisolo materno sono stati anche associati ad un migliore funzionamento cognitivo nei bambini.

L’aumento dello spessore corticale in seguito all’esposizione ad alti livelli di cortisolo materno, dovuto alla presenza di un elevato numero di recettori del cortisolo nelle regioni frontali, suggerisce che il cortisolo sia in grado di promuovere la maturazione del cervello nel feto. Tuttavia, sembra che ci debba essere una “concentrazione ottimale “del cortisolo, dal momento che livelli estremamente elevati di questo ormone possono essere tossici per lo sviluppo del cervello.

 

 

Tratto da: psypost

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: sviluppo cerebrale gravidanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni