Pubblicità

Gli psicologi scolastici sviluppano interventi per ridurre le pause nei corridoi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 921 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un intervento simile a quello sviluppato dai ricercatori di psicologia scolastica presso il College of Education, Health, and Human Sciences dell'University of Tennessee a Knoxville, può contribuire a ridurre le interruzioni lungo il corridoio tra i bambini delle scuole elementari.

studenti interruzioni corridoi

L'intervento premia le classi di studenti per la rapida transizione da una stanza, o attività, ad un'altra. Quando implementato, con tre classi di studenti dal primo al sesto grado, in un programma scolastico estivo, le interruzioni durante le transizioni in classe sono state ridotte fino al 74 per cento.

"I corridoi sono spazi scoraggianti per gli insegnanti", ha detto Christopher Skinner, professore di psicologia scolastica e co-autore dello studio, che è stato pubblicato sul Journal of Positive Behavior Interventions. "Essere rapidi nelle transizioni aiuta a ridurre significativamente i comportamenti inappropriati."

Nello studio, condotto dal professore associato Merilee McCurdy, gli studenti sono stati programmati per una transizione di classe al giorno (ad esempio, dalla palestra alla classe accademica). Un tempo obiettivo è stato selezionato prima della lezione e spiegato ai bambini.

Se la classe raggiungeva la classe nel tempo prefissato, venivano premiati con una lettera alla fine della transizione e posta su un bordo di velcro in classe. Entro la fine della settimana, le classi hanno avuto la possibilità di guadagnare cinque lettere."

Le lettere erano P-A-R-T-Y, in questo ordine," ha detto Skinner. "Dopo aver riscontrato con successo il tempo di transizione per un quinto giorno, le classi sono state premiate con una festa di 20 minuti con spuntini e giochi."

Se ci sono state interruzioni da parte degli studenti (uscire dalla fila, urlare, colpire, o correre nel corridoio) durante una transizione, le classi sono state penalizzate con cinque secondi aggiunti al tempo complessivo delle lezioni.

"Uno studente che si comporta male potrebbe rischiare di perdere la ricompensa per l'intero gruppo," ha affermato Skinner.

Pubblicità

Oltre ad una notevole riduzione del comportamento distraente, anche le transizioni di classe sono state molto più veloci. Rispetto ai tempi di transizione di base presi prima dell'introduzione del gioco, ogni classe ha mostrato un calo che va da 91 a 172 secondi.

Giochi simili sono stati introdotti da Skinner e colleghi nelle scuole elementari per aumentare i punteggi di matematica e aiutare i bambini che mostrano disturbi emotivi e comportamentali a migliorare le abilità sociali.

La ricompensa in tali interventi deve soddisfare almeno due criteri per ottenere il risultato desiderato per gli insegnanti.

"Deve essere un bonus piuttosto che una parte prevista della giornata di classe," ha detto Skinner. "E non deve comportare una punizione. Se la ricompensa è una partita di dodgeball, ci saranno bambini che non vorranno giocare."

In altre parole, se gli studenti non gradiscono la ricompensa, potrebbero non impegnarsi nell'attività di classe.

Oltre alle feste di classe, per Skinner i suggerimenti per una buona ricompensa includono ulteriori momenti di pausa o di tempo al computer o di ascolto di musica.

Dal momento che ogni classe è unica, c'è un altro modo per gli insegnanti di identificare le migliori ricompense per i loro studenti.

"Una scatola dove inserire i suggerimenti, o un semplice sondaggio di classe, può fare molto" ha detto Skinner.

 

Fonte:

  • Victoria VanMaaren, Stephanie Daniels, Peter Ignacio, Merilee McCurdy, Christopher H. Skinner. Reducing Hallway Disruptions in Elementary Students Using a Modified Timely Transitions Game. Journal of Positive Behavior Interventions, 2019; 109830071985718 DOI: 10.1177/1098300719857187

 

Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: studenti news di psicologia interruzioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

News Letters

0
condivisioni