Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Gli stress emotivi portano i bambini a dubitare delle loro capacità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 334 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I bambini a cui capita di sperimentare eventi emozionali stressanti sono più portati, rispetto ad altri, a vedere loro stessi ed il loro mondo in maniera negativa e ciò li porta a sottostimare le loro capacità. Lo suggerisce uno studio a lungo termine realizzato su un campione di circa 1000 bambini delle scuole elementari statunitensi.

"Queste ricerche sono importanti poichè consentono di comprendere come lo stress emotivo sia un problema durante lo sviluppo dei bambini e non solo come fatto in sè negativo e doloroso ma per gli effetti che dimostra di avere a lungo termine sui bambini che tendono, dopo un evento stressante, a vedersi in una luce negativa e a sottostimare le proprie competenze e capacità." Lo afferma la Dott.ssa Eva Pomerantz, del Dipartimento di Psicologia dell'Università dell'Illinois, autrice della ricerca.

Molti ricercatori hanno concentrato i loro studi sulle origini dello stress emozionale nei bambini ma pochi di loro hanno cercato di seguire, invece, bambini che avevavo "provato" tale situazione per verificare in concreto cosa accadesse loro in prospettiva. "I costi di uno stress emotivo infantile si ripercuotono sullo sviluppo successivo e pongono i bambini nella situazione di sperimentare ulteriori sintomatologie e difficoltà emotive nel corso della loro vita." afferma la Dott.ssa Pomerantz.

Nel corso dello studio sono stati seguiti 932 bambini che frequentavano le scuole elementari durante la loro "carriera" scolastica per un periodo di 6 anni. A step fissi veniva chiesto ai bambini di effettuare una batteria di test che misurasse il loro livello di ansia e/o depressione, il loro modo di vedee se stessi, il loro mondo e la loro competenza. Quest'ultimo dato veniva poi comparato con ciò che realmente il bambino realizzava negli studi quotidiani.

In particolare si è cercato di studiare tre specifici effetti dello stress emotivo sui bambini e la loro capacità di diminuire i livelli di autostima. Il primo è quello relativo alla tendenza ad attribuire i successi a fattori esterni ed i fallimenti alle proprie incapacità ed il secondo è quello relativo alla sensazione di non "essere all'altezza delle circostanze" o delle richieste dell'ambiente.
Vi è poi un terzo effetto che è quello relativo alla sensazione di essere capaci di "affrontare la vita scolastica ma non quella sociale".

I risultati raggiunti dall Dott.ssa Pomerantz e dai suoi collaboratori indicano che le bambine sono più vulnerabili in relazione agli effetti dello stress emotivo e che sono più portate a sottostimare le proprie capacità con riferimento a tutti i campi esaminati anche se in campo sociale sembrano essere maggiormente "protette" dei bambini da una marcata comunicazione sociale favorevole. "Le bambine sono spesso maggiormente rassicurate sulle loro capacità rispetto ai loro compagni di età e questo le aiuta a superare più facilmente le situazioni problematiche" afferma la Dott.ssa Pomerantz.

Ulteriori studi sono necessari per comprendere meglio l'esatto meccanismo per cui lo sperimentare esperienze negative produce proiezioni future negative nei bambini e la tendenza a sottostimare la loro capacità e competenza ma i ricercatori suggeriscono alcune possibili soluzioni.

"La visione negativa di sè e del mondo che deriva dall'aver vissuto stress emozionali interferisce con la capacità di ricevere e comprendere correttamente i feedback valutativi ed interferisce con la capacità di autodifesa del bambino e lo porta a rifiutare impegni importanti e gravosi nella convinzione di non esserne capace. Ciò lo porta, in un circolo vizioso, a sottostimare la propria competenza e la propria capacità e a ripercuotere sul proprio comportamento in generale tale apprendimento." conclude la Dott.ssa Pomerantz.


Lo studio è stato pubblicato sul numero di Marzo/Aprile di Child Development.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

News Letters

0
condivisioni