Pubblicità

Gli stress emotivi portano i bambini a dubitare delle loro capacità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 446 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I bambini a cui capita di sperimentare eventi emozionali stressanti sono più portati, rispetto ad altri, a vedere loro stessi ed il loro mondo in maniera negativa e ciò li porta a sottostimare le loro capacità. Lo suggerisce uno studio a lungo termine realizzato su un campione di circa 1000 bambini delle scuole elementari statunitensi.

"Queste ricerche sono importanti poichè consentono di comprendere come lo stress emotivo sia un problema durante lo sviluppo dei bambini e non solo come fatto in sè negativo e doloroso ma per gli effetti che dimostra di avere a lungo termine sui bambini che tendono, dopo un evento stressante, a vedersi in una luce negativa e a sottostimare le proprie competenze e capacità." Lo afferma la Dott.ssa Eva Pomerantz, del Dipartimento di Psicologia dell'Università dell'Illinois, autrice della ricerca.

Molti ricercatori hanno concentrato i loro studi sulle origini dello stress emozionale nei bambini ma pochi di loro hanno cercato di seguire, invece, bambini che avevavo "provato" tale situazione per verificare in concreto cosa accadesse loro in prospettiva. "I costi di uno stress emotivo infantile si ripercuotono sullo sviluppo successivo e pongono i bambini nella situazione di sperimentare ulteriori sintomatologie e difficoltà emotive nel corso della loro vita." afferma la Dott.ssa Pomerantz.

Nel corso dello studio sono stati seguiti 932 bambini che frequentavano le scuole elementari durante la loro "carriera" scolastica per un periodo di 6 anni. A step fissi veniva chiesto ai bambini di effettuare una batteria di test che misurasse il loro livello di ansia e/o depressione, il loro modo di vedee se stessi, il loro mondo e la loro competenza. Quest'ultimo dato veniva poi comparato con ciò che realmente il bambino realizzava negli studi quotidiani.

In particolare si è cercato di studiare tre specifici effetti dello stress emotivo sui bambini e la loro capacità di diminuire i livelli di autostima. Il primo è quello relativo alla tendenza ad attribuire i successi a fattori esterni ed i fallimenti alle proprie incapacità ed il secondo è quello relativo alla sensazione di non "essere all'altezza delle circostanze" o delle richieste dell'ambiente.
Vi è poi un terzo effetto che è quello relativo alla sensazione di essere capaci di "affrontare la vita scolastica ma non quella sociale".

I risultati raggiunti dall Dott.ssa Pomerantz e dai suoi collaboratori indicano che le bambine sono più vulnerabili in relazione agli effetti dello stress emotivo e che sono più portate a sottostimare le proprie capacità con riferimento a tutti i campi esaminati anche se in campo sociale sembrano essere maggiormente "protette" dei bambini da una marcata comunicazione sociale favorevole. "Le bambine sono spesso maggiormente rassicurate sulle loro capacità rispetto ai loro compagni di età e questo le aiuta a superare più facilmente le situazioni problematiche" afferma la Dott.ssa Pomerantz.

Ulteriori studi sono necessari per comprendere meglio l'esatto meccanismo per cui lo sperimentare esperienze negative produce proiezioni future negative nei bambini e la tendenza a sottostimare la loro capacità e competenza ma i ricercatori suggeriscono alcune possibili soluzioni.

"La visione negativa di sè e del mondo che deriva dall'aver vissuto stress emozionali interferisce con la capacità di ricevere e comprendere correttamente i feedback valutativi ed interferisce con la capacità di autodifesa del bambino e lo porta a rifiutare impegni importanti e gravosi nella convinzione di non esserne capace. Ciò lo porta, in un circolo vizioso, a sottostimare la propria competenza e la propria capacità e a ripercuotere sul proprio comportamento in generale tale apprendimento." conclude la Dott.ssa Pomerantz.


Lo studio è stato pubblicato sul numero di Marzo/Aprile di Child Development.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni