Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Gli stress emotivi portano i bambini a dubitare delle loro capacità

on . Postato in News di psicologia

I bambini a cui capita di sperimentare eventi emozionali stressanti sono più portati, rispetto ad altri, a vedere loro stessi ed il loro mondo in maniera negativa e ciò li porta a sottostimare le loro capacità. Lo suggerisce uno studio a lungo termine realizzato su un campione di circa 1000 bambini delle scuole elementari statunitensi.

"Queste ricerche sono importanti poichè consentono di comprendere come lo stress emotivo sia un problema durante lo sviluppo dei bambini e non solo come fatto in sè negativo e doloroso ma per gli effetti che dimostra di avere a lungo termine sui bambini che tendono, dopo un evento stressante, a vedersi in una luce negativa e a sottostimare le proprie competenze e capacità." Lo afferma la Dott.ssa Eva Pomerantz, del Dipartimento di Psicologia dell'Università dell'Illinois, autrice della ricerca.

Molti ricercatori hanno concentrato i loro studi sulle origini dello stress emozionale nei bambini ma pochi di loro hanno cercato di seguire, invece, bambini che avevavo "provato" tale situazione per verificare in concreto cosa accadesse loro in prospettiva. "I costi di uno stress emotivo infantile si ripercuotono sullo sviluppo successivo e pongono i bambini nella situazione di sperimentare ulteriori sintomatologie e difficoltà emotive nel corso della loro vita." afferma la Dott.ssa Pomerantz.

Nel corso dello studio sono stati seguiti 932 bambini che frequentavano le scuole elementari durante la loro "carriera" scolastica per un periodo di 6 anni. A step fissi veniva chiesto ai bambini di effettuare una batteria di test che misurasse il loro livello di ansia e/o depressione, il loro modo di vedee se stessi, il loro mondo e la loro competenza. Quest'ultimo dato veniva poi comparato con ciò che realmente il bambino realizzava negli studi quotidiani.

In particolare si è cercato di studiare tre specifici effetti dello stress emotivo sui bambini e la loro capacità di diminuire i livelli di autostima. Il primo è quello relativo alla tendenza ad attribuire i successi a fattori esterni ed i fallimenti alle proprie incapacità ed il secondo è quello relativo alla sensazione di non "essere all'altezza delle circostanze" o delle richieste dell'ambiente.
Vi è poi un terzo effetto che è quello relativo alla sensazione di essere capaci di "affrontare la vita scolastica ma non quella sociale".

I risultati raggiunti dall Dott.ssa Pomerantz e dai suoi collaboratori indicano che le bambine sono più vulnerabili in relazione agli effetti dello stress emotivo e che sono più portate a sottostimare le proprie capacità con riferimento a tutti i campi esaminati anche se in campo sociale sembrano essere maggiormente "protette" dei bambini da una marcata comunicazione sociale favorevole. "Le bambine sono spesso maggiormente rassicurate sulle loro capacità rispetto ai loro compagni di età e questo le aiuta a superare più facilmente le situazioni problematiche" afferma la Dott.ssa Pomerantz.

Ulteriori studi sono necessari per comprendere meglio l'esatto meccanismo per cui lo sperimentare esperienze negative produce proiezioni future negative nei bambini e la tendenza a sottostimare la loro capacità e competenza ma i ricercatori suggeriscono alcune possibili soluzioni.

"La visione negativa di sè e del mondo che deriva dall'aver vissuto stress emozionali interferisce con la capacità di ricevere e comprendere correttamente i feedback valutativi ed interferisce con la capacità di autodifesa del bambino e lo porta a rifiutare impegni importanti e gravosi nella convinzione di non esserne capace. Ciò lo porta, in un circolo vizioso, a sottostimare la propria competenza e la propria capacità e a ripercuotere sul proprio comportamento in generale tale apprendimento." conclude la Dott.ssa Pomerantz.


Lo studio è stato pubblicato sul numero di Marzo/Aprile di Child Development.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Differenze di età (1505990267…

Enzo, 40       Salve da due mesi ho conosciuto una ragazza di 21 anni con cui ho subito legato tantissimo, ci siamo subito innamorati e fre...

avvocato (1505948867148)

valbuena, 29       Sono un giovane avvocato della provincia di Napoli. Sono fidanzato da 8 anni con una ragazza di 25 anni. ...

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

Area Professionale

Consenso informato e preventiv…

Nuovo obbligo di preventivo e Consenso Informato: il delicato intreccio fra correttezza amministrativa e deontologica. In questo articolo dell'Ordine degli psic...

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters