Pubblicità

Hearts divide over marital therapy

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 369 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Couples who are trying to patch up a troubled union often turn to counseling as a last-ditch effort to keep the marriage intact. That's what marital therapy is all about, right?

Not necessarily. Most couples probably don't know that there is a long-standing debate among practitioners over whether therapists should actively try to save a marriage or whether they should remain neutral and treat the couple as two individuals for whom divorce possibly could be the best outcome.

William Doherty, a veteran marriage and family therapist at the University of Minnesota, is among those who take the marriage-saving view. He believes therapists have been too neutral, particularly since the 1970s, and have focused on the individual. He blames the period for the trend that he believes has rendered therapists so neutral that they are sabotaging marriages.

He also is among those who say that too many therapists aren't sufficiently trained to counsel couples and that the profession isn't regulated consistently, so consumers don't really know what they are getting.

So this week, Doherty is launching a therapist-finder registry called the National Registry of Marriage Friendly Therapists (www.marriagefriendlytherapists.com). It is designed to weed out those whose skills don't meet his standards. And his list will include only therapists who sign a values statement supporting marriage and vowing to seek consultation if the therapist believes the couple is moving toward a premature divorce.

"The registry is about training and competence and about values, because most couples assume the therapist is pro-marriage, but many therapists feel they have to be neutral," he says. "The values thing comes into play when there seems to be a discrepancy between somebody's personal happiness and their commitment to the marriage."

tratto da APA.org - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni