Pubblicità

Hearts divide over marital therapy

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 354 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Couples who are trying to patch up a troubled union often turn to counseling as a last-ditch effort to keep the marriage intact. That's what marital therapy is all about, right?

Not necessarily. Most couples probably don't know that there is a long-standing debate among practitioners over whether therapists should actively try to save a marriage or whether they should remain neutral and treat the couple as two individuals for whom divorce possibly could be the best outcome.

William Doherty, a veteran marriage and family therapist at the University of Minnesota, is among those who take the marriage-saving view. He believes therapists have been too neutral, particularly since the 1970s, and have focused on the individual. He blames the period for the trend that he believes has rendered therapists so neutral that they are sabotaging marriages.

He also is among those who say that too many therapists aren't sufficiently trained to counsel couples and that the profession isn't regulated consistently, so consumers don't really know what they are getting.

So this week, Doherty is launching a therapist-finder registry called the National Registry of Marriage Friendly Therapists (www.marriagefriendlytherapists.com). It is designed to weed out those whose skills don't meet his standards. And his list will include only therapists who sign a values statement supporting marriage and vowing to seek consultation if the therapist believes the couple is moving toward a premature divorce.

"The registry is about training and competence and about values, because most couples assume the therapist is pro-marriage, but many therapists feel they have to be neutral," he says. "The values thing comes into play when there seems to be a discrepancy between somebody's personal happiness and their commitment to the marriage."

tratto da APA.org - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni