Pubblicità

Holiday blues, la depressione delle vacanze

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 626 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Per la maggiorparte delle persone i periodi di feste e di vacanza dal lavoro rappresentano un salutare momento di relax dallo stress e dagli impegni quotidiani, oltre ad una maggiore vicinanza coi propri famigliari...ma non è così per tutti. Infatti, molte altre persone , all’avvicinarsi del periodo delle festività e in prossimità delle vacanze, cominciano a mostrare segni di sofferenza e disturbi psicofisici che sono solitamente conosciuti nella letteratura clinica americana con il termine “holiday blues“, una specie di sindrome depressiva “da vacanze” o del tempo libero, che si manifesta con un effettivo abbassamento dell’umore, irritabilità, sensazione di affaticamento e stress, etc..sintomi che ricordano le forme depressive più marcate e ben conosciute nella clinica. Nel periodo invernale, inoltre, la tendenza all’umore depresso è comunque favorita anche dalle condizioni di relativa scarsità di luce solare rispetto alle stagioni più calde, come accade per quelle forme depressive note come “disturbi affettivi stagionali”, per cui è possibile una confluenza di diverse “correnti” depressive, almeno in determinati soggetti predisposti o maggiormente vulnerabili a tali influenze ambientali.

Tuttavia nella “holidays blue”, a differenza delle forme definite come “disturbi affettivi stagionali” (SAD) - dice il dr.John Stutesman, psicologo clinico al NorthWestern Memorial Hospital di Chicago – il calo depressivo sembra dovuto proprio alla maggiore presenza e vicinanza dei famigliari (come, al contrario, alla loro assenza e lontananza, che può generare analogamente sentimenti depressivi e frustrazioni) ed alla riattivazione di preesistenti conflitti interpersonali, alle aspettative reciproche frustrate ed ai sentimenti ambivalenti nei loro confronti..Le vacanze delle feste di Natale per esempio sono spesso delle grandi riunioni di famiglia dove accanto al piacere di stare con gli altri possono subentrare anche momenti di stress che rendono gravoso lo stare in compagnia di parenti e amici..”.

“E’ necessario però distinguere queste forme più lievi da quelle depressive vere e proprie..Nella blues holidays i sintomi sono di natura transitoria ed hanno una durata massima di due –tre settimane. In questi casi – continua Stutesman – è bene prendere coscienza del malessere e cercare di individuarne le cause nei rapporti conflittuali con gli altri e nelle proprie modalità di relazione..”.

(tratto da:”Help for the Holiday Blues” - ABCNews.com – Dec.2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Sta con me ma ama ancora la su…

Fede.love.23, 47     Sono separata e vivo da sola con 2 figli a carico senza nessun aiuto economico del mio ex marito.Sto con lui da 5 anni ma fi...

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni