Pubblicità

I bambini hanno un'opinione migliore delle madri se esse rispettano la loro autonomia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 776 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo studio di Ispa, che includeva più di 2000 madri ed i loro bambini, ha misurato la direttività materna – ovvero la misura con la quale le madri controllavano le attività – nel gioco, prima quando i bambini avevano due anni, poi durante una discussione riguardo le aree di disaccordo, quando erano in quinta elementare. La studiosa ha trovato che le tendenze delle madri nel mostrare comportamenti di controllo, durante il primo periodo di valutazione, prediceva la misura con la quale i figli vedevano le loro madri positivamente o negativamente nel secondo periodo. In più, da questi risultati non sono emerse differenze per razza e sesso dei bambini.
“Le madri che risultavano essere molto direttive quando i loro bambini erano piccoli, spesso tendevano ad essere ancora controllanti, quando i loro figli diventavano più grandi”, ha detto Ispa. L’autrice ha aggiunto che: “Con i bambini piccoli, le madri usano per lo più controlli fisici, ma, quando i figli crescono, queste direttive diventano di tipo verbale e psicologico, per esempio limitando ciò che è permesso loro dire o non permettendo di esprimere la loro opinione. Non bisogna sorprendersi se questi bambini comincino a vederle in una luce negativa”. Infatti, l’autrice ha spiegato che i controlli comportamentali, come insegnare ai bambini a non attraversare la strada senza guardare prima le macchine, non influenzano negativamente le relazioni madre- bambino, al contrario dei controlli psicologici, come indurre intenzionalmente il senso di colpa o dire ai bambini di pensare, sentire e giocare in certi modi.

Ispa ha precisato, infine, che permettere l’autonomia ai bambini non significa che i genitori debbano smettere di dare le regole di base o di provvedere input. “Alcune volte, i genitori pensano che l’uso di questi comportamenti di controllo sia il “modo giusto” per allevare i bambini, ma la nostra ricerca mostra che non funziona realmente”, ha detto Ispa. “Permettere livelli di autonomia, appropriati all’età dei bambini, di prendere decisioni sane è per loro molto positivo, tanto che loro sapranno fare scelte sagge, se ad essi sono state spiegate quali sono le opzioni e le loro conseguenze”.
“Un buon punto di partenza per i genitori potrebbe essere la possibilità di avere discussioni aperte, permettere ai loro bambini di esprimere il loro punto di vista e, quando si danno istruzioni ai bambini, spiegare le ragioni delle proprie decisioni, piuttosto che dire semplicemente ‘Perché io ho detto così’”.

 

Tratto da: psychcentral.com

 

(Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)  

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni