Pubblicità

I bambini in sovrappeso hanno una qualità della vita scadente

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 416 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il problema dei bambini obesi non sembra essere solo quello di non poter giocare con i loro coetanei ma, molto più concretamente, quella di avere una qualità della vita decisamente peggiore. Lo rivela uno studio recentemente pubblicato sul Journal of the American Medical Association. Il Dottor Jeffrey Schwimmer , pediatra e gastroenterologo dell'Università della California (S.Diego), ed i suoi collaboratori hanno somministrato a 106 bambini ed adolescenti obesi una serie di questionari trovando che hanno la tendenza ad accusare problemi e patologie ben 5 volte in più rispetto ai loro coetanei con una qualità della vita paragonabile a quella dei bambini colpiti da patologie tumorali. In particolare si rilevano problemi di tipo diabetico, alti livelli di colesterolo e lipidi associati spesso ad un incremento delle malattie cardiovascolari.

Ma anche in assenza di tali patologie fisiche, i bambini ed i loro genitori rivelano una cattiva qualità della vita. I bambini obesi, infatti, fanno più assenze a scuola e, comparati ai loro coetanei, hanno prestazioni scolastiche meno brillanti oltre che ad avere la tendenza a soffrire con più frequenza di forme depressive.

La maggior presenza di obesità è stata rilevata nei ragazzi Messicani-Americani e negli Ispanici in generale e la ricerca sottolinea come sia necessario intervenire velocemente ed efficacemente per modificare questo pericoloso quadro generale.

"Molte persone, incluso il personale sanitario, non si rendono conto che quello che loro percepiscono come un bambino "paffuto" potrebbe essere un bambino obeso e presentare problematiche e difficoltà maggiori rispetto a quelle dei suoi coetanei e che in tali casi è necessario intervenire subito piuttosto che aspettare che il tempo faccia miracoli" afferma il Dott. Schwimmer. "I bamabini obesi corrono il rischio di soffrire, da adulti, di patologie croniche invalidanti oltre che di marcati problematiche psicologiche quali carenza di autostima, depressione e difficoltà relazionali."

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni