Pubblicità

I bambini nati pretermine sono più lenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 400 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I bambini nati pretermine risultano avere in media differenze rispetto agli altri bambini per quanto riguarda i processi di elaborazione delle informazioni, che risulterebbero più lenti tra i primi anche con il crescere dell’età, come mostrano recenti ricerche condotte presso la scuola di medicina di Montefiore a New York e riportate nel numero di Novembre del Developmental Psychology, rivista pubblicata dalla American Psychology Association. La ricerca ha mostrato che i bambini nati pretermine presentavano maggiori tempi di reazione a stimoli percettivi significativi, come figure di volti umani, nei mesi successivi alla nascita rispetto ai coetanei nati a termine.

La ricerca, condotta dalla dott.ssa Susan Rose, ha coinvolto un campione di oltre duecento neonati ed è stata organizzata in modo che le rilevazioni dei tempi di reazione agli stimoli figurali da parte dei bambini avvenissero a scadenze di 5, 7 e 12 mesi dalla nascita.

I risultati mostrano come i neonati pretermine presentino in media circa il 30% in media di tempo in più rispetto ai neonati a termine nel riconoscimento di stimoli figurali e che tali valori si mantengano costanti alle diverse età considerate nello studio.

“Sembrerebbe - ha detto la dott. Rose – che i bambini pretermine siano veloci come gli altri ad orientarsi e ad operare cambiamenti cognitivi nel proprio ambiente, ma siano invece più lenti a decodificare e tradurre attraverso processi di elaborazione interna ciò che vedono nel mondo esterno..”.

Tratto da: Study: “Pre-term Infants Slower at Some Tasks” - The Cincinnati Post – Nov. 12, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni