Pubblicità

I bambini nati pretermine sono più lenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 614 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I bambini nati pretermine risultano avere in media differenze rispetto agli altri bambini per quanto riguarda i processi di elaborazione delle informazioni, che risulterebbero più lenti tra i primi anche con il crescere dell’età, come mostrano recenti ricerche condotte presso la scuola di medicina di Montefiore a New York e riportate nel numero di Novembre del Developmental Psychology, rivista pubblicata dalla American Psychology Association. La ricerca ha mostrato che i bambini nati pretermine presentavano maggiori tempi di reazione a stimoli percettivi significativi, come figure di volti umani, nei mesi successivi alla nascita rispetto ai coetanei nati a termine.

La ricerca, condotta dalla dott.ssa Susan Rose, ha coinvolto un campione di oltre duecento neonati ed è stata organizzata in modo che le rilevazioni dei tempi di reazione agli stimoli figurali da parte dei bambini avvenissero a scadenze di 5, 7 e 12 mesi dalla nascita.

I risultati mostrano come i neonati pretermine presentino in media circa il 30% in media di tempo in più rispetto ai neonati a termine nel riconoscimento di stimoli figurali e che tali valori si mantengano costanti alle diverse età considerate nello studio.

“Sembrerebbe - ha detto la dott. Rose – che i bambini pretermine siano veloci come gli altri ad orientarsi e ad operare cambiamenti cognitivi nel proprio ambiente, ma siano invece più lenti a decodificare e tradurre attraverso processi di elaborazione interna ciò che vedono nel mondo esterno..”.

Tratto da: Study: “Pre-term Infants Slower at Some Tasks” - The Cincinnati Post – Nov. 12, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni