Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

I bambini sanno distinguere i sorrisi autentici da quelli falsi

on . Postato in News di psicologia | Letto 541 volte

Un sorriso genuino è un segno universalmente riconosciuto di onestà e di intento morale. Pertanto, la capacità degli esseri umani di riconoscere un sorriso genuino durante le interazioni sociali è di importanza evolutiva.

i bambini sanno distinguere i sorrisi autentici da quelli falsi

Secondo il Sistema di codifica delle espressioni facciali, in un sorriso sono coinvolti due gruppi di muscoli: Unità d’azione 6 (AU6), che solleva le guance e le pieghe degli occhi e Unità d’azione 12 (AU12), che solleva gli angoli della bocca.Precedenti ricerche hanno dimostrato come per la maggior parte delle persone sia impossibile attivare volontariamente AU6, il che rende molto difficile fingere un sorriso genuino.

Pertanto, un sorriso autentico è indice di onestà e la capacità di distinguerlo ci aiuta a mantenere relazioni con le persone di fiducia ed evitare di essere sfruttati da persone ingannevoli.

I neonati cominciano a sorridere nel grembo materno, ma non usano il sorriso come una forma di comunicazione fino all'età di 8-12 mesi. In età prescolare, i bambini sono in grado di selezionare gli individui con cui interagire e di distinguere tra emozioni reali e fittizie. Tuttavia, non è ancora chiaro a che età si sviluppi questa capacità di discriminazione.

Una serie di studi pubblicati recentemente in “Evolution e Human Behaviour” dimostrano che quest’ abilità si sviluppa molto precocemente. E’ stato effettuato uno studio che ha coinvolto un totale di 168 bambini di età compresa tra i 2 ei 5 ai quali sono state mostrate immagini di persone diverse e ed è stato chiesto 'Chi sta davvero sorridendo?', 'Chi ti piace di più?' e ' Qual è la persona con cui vorresti condividere qualcosa? '.

Gli autori hanno utilizzato anche un test di Eye Tracking per valutare se i bambini guardino più a lungo un sorriso falso o genuino. I risultati dello studio hanno dimostrato che, a partire dall'età di 4 anni, i bambini sanno distinguere i sorrisi autentici e possono discriminare tra sorrisi genuini e falsi dall'età di 3.

Inoltre, a  4-5 anni i bambini attribuiscono al sorriso genuino un significato pro – sociale e si aspettano che le persone con sorrisi genuini siano più buone. Quest’aspettativa è stata maggiormente osservata nei bambini più grandi e nelle ragazze, in particolare. Tali risultati si basano sulla comprensione delle abilità dei bambini di fare scelte appropriate nel momento in cui decidono di chi fidarsi e con chi interagire.

 

 

Tratto da: psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

 

Tags: sorriso bambini,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

signor (1507116572808)

fabio, 49       Buongiorno, a mio papà a 74 anni (ora ne ha 80) hanno riscontrato il morbo di alzheimer. ...

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Area Professionale

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

News Letters