Pubblicità

I cambiamenti negli schemi del linguaggio potrebbero essere usati per monitorare la salute mentale (Janice Wood)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 273 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Per il nuovo studio, l’esperta di acustica Carol Espy-Wilson ed i suoi colleghi hanno riproposto le informazioni raccolte in una pubblicazione del 2007, a cura di un laboratorio non affiliato, il quale indagava anch’esso la relazione tra depressione e schemi del linguaggio. La ricerca precedente valutava i livelli di depressione dei pazienti ogni settimana, usando l’Hamilton Depression Scale e poi li registravano mentre parlavano liberamente della loro giornata. Il nuovo studio usava i dati presi da sei pazienti che, nel corso delle sei settimane della precedente esperienza, erano stati registrati come depressi in alcune e non depressi nelle altre. I ricercatori hanno confrontato i punteggi dei pazienti all’Hamilton con i loro modelli del linguaggio, per ogni settimana, e hanno trovato un collegamento tra depressione ed alcune caratteristiche acustiche. Inoltre, gli esperti scoprirono che, quando i sentimenti di depressione dei pazienti erano peggiori, il loro linguaggio tendeva ad essere più affannoso e lento. Il gruppo ha trovato anche degli incrementi nel jitter e nello shimmer, due misure del disordine acustico, che rilevano la variazione nella frequenza e nell’ampiezza del suono.
I ricercatori intendono ripetere lo studio in un campione più grande, comparando questa volta i modelli del linguaggio di persone che non hanno una storia di malattia mentale con coloro che soffrono di depressione, per creare un profilo acustico del linguaggio, tipico della depressione.

I ricercatori, quindi, sostengono che un’applicazione sul telefono potrebbe usare queste informazioni per analizzare il linguaggio dei pazienti, identificare i segnali acustici della depressione e fornire feedback e supporto.
Espy-Wilson spera che la tecnologia interattiva attirerà ragazzi e giovani adulti, un gruppo particolarmente vulnerabile ai problemi della malattia mentale. “Le loro emozioni sono tutte fuori posto in questo periodo ed è ora che sono a maggior rischio di depressione. Dobbiamo cercare e disegnare un modo per aiutarli in questa fase”.
Sempre secondo questa ricercatrice, a volte i pazienti potrebbero non riconoscere o non essere disposti ad ammettere di essere depressi. Ricevendo un feedback regolare, che si basa sia sulle misurazioni acustiche, che su altre, potrebbero imparare ad auto monitorare i loro stati mentali e riconoscere quando dovrebbero chiedere aiuto.
Infine, gli studiosi affermano che la tecnologia potrebbe promuovere anche una comunicazione tra terapisti e pazienti, consentendo una cura continua e reattiva, in aggiunta ai regolari appuntamenti di persona.

Tratto da: psychcentral.com



(Traduzione e riassunto a cura della dott.essa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni