Pubblicità

I consigli che potrebbero migliorare lo studio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1293 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Suggerimenti che potrebbero rivoluzionare il tempo passato sui libri

studioQuali sono le tattiche "scientificamente provate" per ottimizzare il tempo sui libri e imparare in modo efficace?

Ecco dunque delle dritte scientifiche a misura di studente per ottimizzare le lunghe ore di studio che scandiranno l'anno scolastico.

Distribuisci lo studio nel tempo

Il cervello codifica con maggiore abilità le informazioni quando lavora senza sovraccarico. Comprimere tutto quello che c'è da imparare in una lunga e snervante sessione di 10 ore di studio non darà risultati grandiosi.
Piuttosto, meglio dividere le pagine da studiare in porzioni più piccole, per esempio 20 brevi sessioni da 30 minuti ciascuna, distribuite nell'arco di una o più settimane.

studia di giorno

Meglio organizzarsi prima e stabilire un orario diurno prefissato da dedicare allo studio: il cervello si abituerà facilmente a questa routine, che faciliterà la concentrazione. Una notte trascorsa sui libri rischia di danneggiare le capacità mnemoniche e di elaborazione per giorni successivi.

Non comprare l'evidenziatore

Rileggere più volte lo stesso paragrafo e sottolineare i passaggi chiave è una tecnica utilizzata da molti, ma non necessariamente vincente: alcuni esperti la ritengono controproducente perché rischia di focalizzare l'attenzione su informazioni poco rilevanti.
Bisognerebbe fare diagrammi, schemi, disegni per sintetizzare i concetti chiave, evitando così le sottolineature. Funzionano sia nelle ore dedicate allo studio, sia se abbozzati in altri contesti, come sull'autobus per andare a scuola o durante le pause.

Stabilisci il tuo obiettivo

Non deve essere un traguardo necessariamente ambizioso (ad esempio imparare l'intero programma di storia). Può trattarsi di un' abilità specifica (bilanciare le equazioni chimiche, imparare a coniugare i verbi francesi, studiare le regole di grammatica inglese): raggiungerla aumenterà la tua autostima e renderà le cose più facili.
Mentre persegui il tuo obiettivo, ricorda: se non riesci a spiegarlo con chiarezza, non l'hai capito abbastanza bene.

Studia come se dovessi insegnare

Quando è chiamato a insegnare il cervello codifica e organizza le informazioni in modo più chiaro e coerente.
In alcuni esperimenti scientifici è stato chiesto a due diversi gruppi di studenti di studiare alcuni passaggi di un testo. A un gruppo è stato detto che avrebbe dovuto superare un test, a un altro che avrebbe dovuto insegnare i concetti studiati. Nel secondo caso, i passaggi chiave sono stati memorizzati con più efficacia.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: cervello studio obiettivo suggerimenti libri imparare capacità mnemoniche elaborazione insegnare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni