Pubblicità

I genitori depressi influenzano i figli a scuola

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1216 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Quando i genitori sono affetti dalla depressione possono avere un notevole impatto negativo sulle prestazioni dei loro figli a scuola

mamma surrogata.600I ricercatori della Drexel University hanno guidato un team di docenti del Karolinska Institutet di Stoccolma in Svezia e l'Università di Bristol in Inghilterra per uno studio su un milione di bambini nati dal 1984 fino al 1994.

Utilizzando i dati ottenuti, gli scienziati hanno associato la diagnosi di depressione dei genitori con i voti scolastici dei loro figli all'età di 16 anni, al termine della scuola dell'obbligo in Svezia.

La ricerca ha indicato che i bambini le cui madri erano depresse, prendevano voti del 4,5% più bassi rispetto ai coetanei aventi madri non depresse. Invece, per i figli di padri depressi, la differenza era del 4%.

L'entità di questo effetto era simile alla differenza riscontrata nel rendimento scolastico tra bambini provenienti da una famiglia di basso redditto rispetto a quelli aventi alto reddito, ma era più piccola rispetto alla differenza riscontrata in bambini con madri di alto livello di istruzione rispetto a quelli che hanno madri con bassa formazione (basso reddito familiare: -3.6%; mentre basso livello di istruzione della madre: - 16,2%).

A livello del genere sono state osservate nello studio alcune differenze, nonostante i risultati erano molto simili in caso di depressione materna e paterna.
Nello specifico gli episodi di depressione materna, quando i loro figli avevano un'età compresa tra 11 e 16 anni, sembravano incidere maggiormente sulle ragazze rispetto ai ragazzi. Le ragazze di 16 anni, infatti, hanno riportato un voto finale inferiore dei loro coetanei (-5,1%), mentre tra i  ragazzi le differenze erano minime (-3,4%).

Tuttavia, nonostante le differenze di genere, non bisogna distogliere l'attenzione dal problema saliente: la depressione dei genitori presentata nel suo complesso.
Difatti, sia la depressione materna che quella paterna possono influenzare negativamente lo sviluppo del bambino; pertanto, bisognerebbe focalizzarsi sulle conseguenze negative che il disturbo riversa non solo sui genitori stessi ma anche sui loro figli.

In definitiva la diagnosi di depressione di un genitore, soprattutto entro i primi 16 anni di vita del suo bambino, ha effetto sul rendimento scolastico di quest'ultimo e si ipotizza che tale risultato potrebbe essere attribuito alla condivisione di geni tra genitori e figli che, di conseguenza, esporrebbe i secondi alla depressione.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: depressione scuola genitori disturbo figli geni, rendimento scolastico voti scolastici livello di istruzione reddito

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni