Pubblicità

I genitori depressi influenzano i figli a scuola

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1159 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Quando i genitori sono affetti dalla depressione possono avere un notevole impatto negativo sulle prestazioni dei loro figli a scuola

mamma surrogata.600I ricercatori della Drexel University hanno guidato un team di docenti del Karolinska Institutet di Stoccolma in Svezia e l'Università di Bristol in Inghilterra per uno studio su un milione di bambini nati dal 1984 fino al 1994.

Utilizzando i dati ottenuti, gli scienziati hanno associato la diagnosi di depressione dei genitori con i voti scolastici dei loro figli all'età di 16 anni, al termine della scuola dell'obbligo in Svezia.

La ricerca ha indicato che i bambini le cui madri erano depresse, prendevano voti del 4,5% più bassi rispetto ai coetanei aventi madri non depresse. Invece, per i figli di padri depressi, la differenza era del 4%.

L'entità di questo effetto era simile alla differenza riscontrata nel rendimento scolastico tra bambini provenienti da una famiglia di basso redditto rispetto a quelli aventi alto reddito, ma era più piccola rispetto alla differenza riscontrata in bambini con madri di alto livello di istruzione rispetto a quelli che hanno madri con bassa formazione (basso reddito familiare: -3.6%; mentre basso livello di istruzione della madre: - 16,2%).

A livello del genere sono state osservate nello studio alcune differenze, nonostante i risultati erano molto simili in caso di depressione materna e paterna.
Nello specifico gli episodi di depressione materna, quando i loro figli avevano un'età compresa tra 11 e 16 anni, sembravano incidere maggiormente sulle ragazze rispetto ai ragazzi. Le ragazze di 16 anni, infatti, hanno riportato un voto finale inferiore dei loro coetanei (-5,1%), mentre tra i  ragazzi le differenze erano minime (-3,4%).

Tuttavia, nonostante le differenze di genere, non bisogna distogliere l'attenzione dal problema saliente: la depressione dei genitori presentata nel suo complesso.
Difatti, sia la depressione materna che quella paterna possono influenzare negativamente lo sviluppo del bambino; pertanto, bisognerebbe focalizzarsi sulle conseguenze negative che il disturbo riversa non solo sui genitori stessi ma anche sui loro figli.

In definitiva la diagnosi di depressione di un genitore, soprattutto entro i primi 16 anni di vita del suo bambino, ha effetto sul rendimento scolastico di quest'ultimo e si ipotizza che tale risultato potrebbe essere attribuito alla condivisione di geni tra genitori e figli che, di conseguenza, esporrebbe i secondi alla depressione.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: depressione scuola genitori disturbo figli geni, rendimento scolastico voti scolastici livello di istruzione reddito

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Psicologia

La psicologia è una scienza che studia i processi psichici, consci e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici...

News Letters

0
condivisioni