Pubblicità

I giovani bevitori non conoscono le avvertenze sulle confezioni di alcolici

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 334 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

secondo una nuova ricerca, Solo la metà dei bevitori di età compresa tra 11-19 anni, ricorda di aver visto messaggi sulla salute o avvertenze sulle confezioni di alcolici, nonostante sia un target importante per questo mercato.

alcol e giovani

Pubblicata sul Journal of Public Health, la ricerca, condotta dall'University of Stirling e dal Cancer Policy Research Centre presso il Cancer Research UK, ha esaminato in che misura gli studenti di età compresa tra 11-19 anni nel Regno Unito, fossero a conoscenza delle informazioni sui prodotti, messaggi o avvertenze per la salute sugli imballaggi di alcolici durante il mese precedente.


Il gruppo di ricercatori ha scoperto che, di coloro che si identificano come 'bevitori attuali', solo la metà aveva ricordato di aver visto tali informazioni, e che è sceso a solo un terzo dell'intera fascia di età, indipendentemente dal loro stato attuale di consumo.

Si tratta del primo studio per esaminare la consapevolezza e il richiamo di tale messaggistica in un ampio campione demograficamente rappresentativo di giovani in tutto il Regno Unito, e gli esperti ritengono che i risultati sosterranno il dibattito intorno alla progettazione, efficacia e regolamentazione dell'etichettatura dell'alcol nel Regno Unito.

Il dottor Nathan Critchlow, ricercatore presso lo Stirling's Institute for Social Marketing (ISM), ha condotto lo studio. Ha detto: "Nel Regno Unito e a livello internazionale, ci sono frequenti richieste per aumentare la visibilità, la comprensione e l'efficacia dell'etichettatura sulle confezioni di alcolici. In particolare, i critici sottolineano spesso le misure legali adottate per l'etichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari e delle bevande, o le avvertenze sulla salute e la messaggistica sui prodotti del tabacco, e si chiedono perché l'etichettatura degli alcolici, autoregolamentata dall'industria, non è altrettanto progressista.

"Il governo scozzese ha incluso un impegno nella sua ultima strategia di prendere in considerazione l'etichettatura obbligatoria se l'industria dell'alcol non migliora la visibilità e la chiarezza entro settembre 2019, mentre la Repubblica d'Irlanda ha già in programma di introdurre una legislazione analoga."

"La nostra ricerca più recente fornisce una visione tempestiva e unica che aiuterà a informare questi dibattiti."

Il dottor Critchlow ha condotto lo studio con i colleghi dell'ISM, il dottor Crawford Moodie, il dottor Niamh Fitzgerald, Anne Marie MacKintosh e Daniel Jones, insieme a Chris Thomas, Jyotsna Vohra e Lucie Hooper, del Centro di ricerca sulla politica contro il cancro del Regno Unito.

Lo studio ha utilizzato i dati del 2017 del Youth Alcohol Policy Survey, una seondaggio trasversale, condotto da YouGov con giovani di età compresa tra 11 a 19 anni in tutto il Regno Unito. Ai partecipanti è stato chiesto se avevano visto informazioni sul prodotto, messaggi sulla salute o avvertenze sulle confezioni di alcolici nel mese scorso e, in caso affermativo, quali messaggi hanno ricordato.

Pubblicità


Questa fascia di età è particolarmente importante in quanto l'esposizione a messaggi chiari ed efficaci durante le loro esperienze formative di consumo di alcol può avere un impatto duraturo sulle conoscenze, attitudini e comportamenti legati ad esso.

"Abbiamo esplorato la consapevolezza di tali informazioni e le differenze tra i gruppi della popolazione e i diversi livelli di consumo di alcol, come ad esempio se un giovane al momento beveva alcol o no", ha spiegato il dottor Critchlow.

"Solo un terzo dei ragazzi di 11-19 anni ha ricordato informazioni sul prodotto, messaggi sulla salute o avvertenze sulle confezioni di alcolici nel mese scorso. In particolare, solo circa la metà degli attuali bevitori era a conoscenza di tali messaggi, nonostante fosse un target importante per questo mercato.

"Anche il ricordo di messaggi specifici era anche basso; quasi la metà dei giovani non era sicura dei messaggi che avevano visto e i messaggi più specifici erano stati ricordati solo da una minoranza di giovani. Questo includeva quelli relativi a linee guida per il consumo di alcol, effetti sulla salute, o l'alcol come un prodotto soggetto a limiti di età."

Il co-autore Dr Jyotsna Vohra, responsabile della ricerca sulla politica del cancro del Cancer Research nel Regno Unito, ha dichiarato: "Oltre al fatto che i bambini minorenni bevono, è preoccupante che solo la metà possa ricordare di aver visto importanti avvertenze sulla salute. E ciò che è altrettanto preoccupante è che molte di queste etichette non forniscono tutte le informazioni che il CMO (Chief Medical Officer) afferma di dover fornire, anche evidenziando il rischio correlato tra alcol e cancro. L'alcol è legato a sette tipi di cancro negli adulti ed è responsabile di oltre 12.000 casi all'anno, ma solo una persona su 10 è consapevole di questo rischio."

"Più una persona beve, maggiore è il rischio di cancro. Ecco perché è importante fare di più per ridurre il consumo di alcol nel Regno Unito. Tutte le etichette devono inoltre indicare chiaramente che le persone non devono bere più di 14 unità a settimana. E anche se non tutti quelli che bevono continueranno a sviluppare il cancro, non c'è niente di male a ridurlo."

Il documento, Awareness of product-related information, health messages, and warnings on alcohol packaging among adolescents: A cross-sectional survey in the United Kingdom, è stato pubblicato sul Journal of Public Health ed è stato finanziato dal Cancer Policy Research Centre presso il Cancer Research nel Regno Unito.

fonte:

  • Nathan Critchlow, Daniel Jones, Crawford Moodie, Anne Marie MacKintosh, Niamh Fitzgerald, Lucie Hooper, Christopher Thomas, Jyotsna Vohra, Awareness of product-related information, health messages and warnings on alcohol packaging among adolescents: a cross-sectional survey in the United Kingdom, Journal of Public Health, , fdz080, https://doi.org/10.1093/pubmed/fdz080

 


Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: alcol news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni