Pubblicità

I gruppi di amici influenzano i preadolescenti nella scelta di comportamenti da "bullo"

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 411 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
L'influenza dei gruppi di "pari" nella pre adolescenza è un fenomeno noto da tempo, in particolar modo per ciò che riguarda l'uso di alcool e di sostanze stupefacenti. Una nuova ricerca, pubblicata nel numero di Gennaio/Febbraio del Journal Child Development, estende ora questa influenza anche ai comportamenti di bullismo. Attraverso uno studio condotto in una scuola media inferiore sia all'inizio che alla fine dell'anno scolastico, Dorothy Espelage (Professore di Educational Psychology all'Università dell'Illinois) ha trovato che i ragazzi che frequentano assiduamente un gruppo di "bulli" (maschi e femmine) tendono ad assumere atteggiamenti simili loro stessi. In concreto il loro atteggiamento tende a divenire aggressivo, violento, intollerante e isolazionistico. Anche per quanto riguarda la disposizione al "combattimento fisico" vi sembra essere un effetto significativo di imitazione ma non così marcato.

Lo studio sembra confermare, quindi, la cosidetta "homophily ipotesis" che sostiene che il comportamento individuale è determinato dal gruppo di appartenenza.

"E' la prima volta che viene dimostrato come l'"homophily ipotesis" riesce a spiegare sia il bullismo che l'aggressività fisica fra i preadolescenti ma abbiamo verficato come riesca a spiegare meglio e di più il fenomeno "bullismo" poichè appare evidente dallo studio la correlazione fra gruppi di amici e meccanismi comportamentali di imitazione".

Come in precedenti studi realizzati dalla sua equipe, la Prof.ssa Espelange ha verificato che anche i ragazzi che non vengono direttamente coinvolti nel fenomeno e ne rimangono ai margini accettano decisamente il bullismo come una parte inevitabile della cultura e del clima del gruppo. Infatti spesso affermano: "Così vanno le cose".

Lo studio ha interessato, durante l'anno scolastico 1999-2000, 475 studenti delle classi medie che sono stati coinvolti all'inizio dell'anno in una prima ricerca e 384 di loro hanno partecipato anche alla seconda ricerca svolta alla conclusione dello studio. In entrambi i momenti i partecipanti erano al 51% ragazze e al 49% ragazzi.

"Quello che lo studio ci svela è che vi è la necessità, nel progettare programmi di prevenzione del disagio minorile, di tener conto di questa necessità, quasi compulsiva, da parte dei ragazzi, di imitare i comportamenti di gruppo anche quando li giudicano sbagliati" dice la Espelage "mentre oggi pochi programmi tengono conto della interazione gruppale e dei suoi effetti sul singolo."

tratto da Journal Child Development - n. 1/03

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

News Letters

0
condivisioni