Pubblicità

I nostri figli passano troppo tempo davanti a uno schermo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1135 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Gli esperti stanno esortando i genitori a rispolverare le linee guida nazionali a seguito di un rapido aumento del tempo passato davanti alloo schermo dei dispositivi elettronici da parte dei bambini al di sotto dei due anni.

bambini tempo davanti allo schermo
Uno studio dell'University of Queensland ha scoperto che alcuni bambini potrebbero avere un tempo medio di 50 minuti al giorno, dove invece le linee guida nazionali richiedevano un tempo pari a zero per i bambini di età inferiore ai due anni.


La professoressa della UQ School of Public Health, nonchè autrice principale, Leigh Tooth ha affermato che le linee guida erano lì per indicare ai bambini il miglior inizio della propria vita.

"Siamo stati sorpresi di vedere il rapido aumento del tempo passato davanti a uno schermo già dal primo mese di infanzia," ha affermato la Dr Tooth. "I bambini passano quasi un'ora al giorno davanti a uno schermo."

Lo studio della dottoressa Tooth ha mostrato che il tempo passato davanti allo schermo aumentava rapidamente con l'età prima di stabilizzarsi, intorno ai tre anni, con una media di 94 minuti in un giorno feriale.

Il tempo si è allineato alle linee guida nazionali solo quando i bambini sono passati dall'asilo alla scuola, mentre nel fine settimana, il tempo, ha continuato a salire ben al di sopra delle linee guida.

Il governo australiano, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e altri organismi internazionali promuovono le stesse linee guida di tempo passato davanti allo schermo pari a zero, nei bambini con un età inferiore ai due anni.

"Dobbiamo far sapere alla gente che i bambini piccoli non dovrebbero stare davanti a uno schermo per lunghi periodi perché ci sono prove emergenti che questo potrebbe essere dannoso per il loro sviluppo e la crescita", ha affermato.

"Il tempo passato sullo schermo rappresenta un'opportunità mancata in cui i bambini potrebbero esercitarsi e padroneggiare qualche abilità di sviluppo, come correre e saltare, e non essere sedentari e inchiodati davanti a uno schermo.

"Questo è particolarmente importante per i bambini sotto i due anni che non dovrebbero passare del tempo davanti a uno schermo."

Lo studio ha mostrato che le madri i cui figli hanno superato il tempo delle linee guida, hanno sperimentato fattori come lo stress finanziario, hanno avuto grandi quantità di tempo libero o hanno permesso l'uso di dispositivi elettronici nella camera da letto.

Pubblicità


"E 'molto facile usare certi dipositivi con i bambini, perché ci sono tante applicazioni a misura di bambino e giochi sviluppati per bambini e genitori," ha detto la Dr Tooth.

"Se dai a un bambino un iPad per 30 minut,i allorà rimmarrà inchiodato li davanti: ecco perchè i genitori danno, ai loro figli, libero accesso a quei dispositivi."

La dottoressa Tooth ha detto che le potenziali implicazioni negative superano di gran lunga qualsiasi beneficio percepito dai semplici strumenti di distrazione.

"La paura è che è si tratta dei primi anni in cui si può verificare l'impatto più negativo sulla salute e sullo sviluppo", ha affermato.

"I genitori devono essere informati delle linee guida nazionali nelle loro visite prenatali o durante un appuntamento di follow-up con il loro medico di famiglia. Le linee guida sono lì per un motivo, e cioè per proteggere la salute e lo sviluppo del bambino."


Fonte:

  • Leigh Tooth, Katrina Moss, Richard Hockey, Gita D Mishra. Adherence to screen time recommendations for Australian children aged 0–12 years. Medical Journal of Australia, 2019; DOI: 10.5694/mja2.50286



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: tempo bambini, news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni