Pubblicità

I nottambuli possono 'riqualificare' i loro orologi biologici per migliorare il benessere mentale e le prestazioni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 661 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un semplice aggiustamento dell'andamento del sonno dei 'nottambuli', persone con abitudini del sonno e della veglia tardive, potrebbe portare a significativi miglioramenti nei tempi di sonno/veglia, miglioramenti delle prestazioni al mattino, migliori abitudini alimentari e una diminuzione della depressione e dello stress.

nottambuli e prestazioni

Una nuova ricerca internazionale condotta dall'Universitiy of Birmingham e l'University of Surrey nel Regno Unito e dalla Monash University in Australia hanno dimostrato che, in un periodo di tre settimane, è stato possibile spostare il ritmo circadiano dei 'nottambuli' utilizzando interventi farmacologici e pratici.

Lo studio, recentemente pubblicato su Sleep Medicine, ha mostrato che i partecipanti erano in grado di anticipare i tempi di sonno/veglia di due ore, pur non avendo alcun effetto negativo sulla durata del sonno. Inoltre, i partecipanti hanno segnalato una diminuzione dei sentimenti di depressione e stress, oltre che della sonnolenza diurna.

"I nostri risultati della ricerca evidenziano la capacità di un semplice intervento non farmacologico di avanzare gradualmente per ridurre gli elementi negativi di salute mentale e sonnolenza, nonchè manipolare i picchi di prestazione nel mondo reale" ha affermato la dottoressa che ha guidato la ricerca, Elise Facer-Childs della Monash University's Turner Institute for Brain and Mental Health.

I 'nottambuli' sono individui il cui orologio biologico impone tempi di sonno e veglia più tardivi del solito". In questo studio i partecipanti hanno avuto un tempo medio di coricarsi intorno alle 2:30  e un risveglio intorno alle 10:15.

I disturbi del sistema sonno/veglia sono stati collegati a una serie di problemi di salute, tra cui sbalzi d'umore, aumento della morbilità e dei tassi di mortalità e diminuzione delle prestazioni cognitive e fisiche.

"Avere un ritmo cercadiano diverso ti mette in contrasto con i normali giorni della società, che può portare a una serie di esiti negativi: da sonnolenza diurna a un più povero benessere mentale,"  ha detto il co-autore della ricerca, il  Dr Andrew Bagshaw dell'University of Birmingham.

"Volevamo vedere se c'erano cose semplici che la gente poteva fare a casa per risolvere questo problema. Questo ha avuto successo, permettendo in media alle persone di dormire e svegliarsi circa due ore prima di quanto non facessero prima. La cosa più interessante è che questo è stato anche associato a miglioramenti nel benessere mentale e nella sonnolenza percepita, il che significa che è stato un risultato molto positivo. Ora dobbiamo capire come i modelli di sonno abituale sono collegati al cervello,  e come questo poi  si collega con il benessere mentale e se gli interventi portano a cambiamenti a lungo termine."

Pubblicità


Ventidue persone sane hanno partecipato allo studio. Per un periodo di tre settimane i partecipanti al gruppo sperimentale sono stati invitati a:

  • Svegliarsi 2-3 ore prima del normale orario di sveglia e massimizzare l'esposizione alla luce esterna durante le mattine;
  • Andare a letto 2-3 ore prima di coricarsi abitualmente e limitare l'esposizione alla luce la sera;
  • Mantenere gli orari di sonno/veglia fissati, sia nei giorni lavorativi che nei giorni liberi;
  • Fare colazione il prima possibile dopo il risveglio, pranzare alla stessa ora ogni giorno, e astenersi dal cenare dopo le 19.

I risultati hanno evidenziato un aumento delle prestazioni cognitive (tempo di reazione) e fisiche durante la mattinata, quando la stanchezza è spesso molto alta nei 'nottambuli', nonchè uno spostamento dei tempi di massima prestazione dalla sera al pomeriggio.

Ha anche aumentato il numero di giorni in cui la colazione è stata consumata e ha portato a un migliore benessere mentale, con i partecipanti che segnalano una diminuzione dei sentimenti di stress e depressione.

"Stabilire semplici routine potrebbe aiutare i 'nottambuli' a regolare i loro orologi biologici e migliorare la loro salute fisica e mentale generale. Insufficienti livelli di sonno e disallineamento circadiano possono disturbare molti processi corporei che ci mettono a maggior rischio di malattie cardiovascolari, cancro e diabete," ha affermato il professor Debra Skene dell'University of Surrey.

La dottoressa Facer-Childs ha detto che i 'nottambuli', tendevano ad essere più compromessi nella nostra società a causa del dover adattarsi a orari di lavoro/scuola che non sono sincronizzati con i loro schemi preferiti

"Riconoscendo queste differenze e fornendo strumenti per migliorare i risultati, possiamo fare un lungo cammino in una società che è sotto pressione costante per ottenere produttività e prestazioni ottimali", ha affermato.

Questo intervento potrebbe essere applicato anche in contesti più di nicchia, come l'industria o all'interno di settori sportivi, che hanno un focus sullo sviluppo di strategie per massimizzare la produttività e ottimizzare le prestazioni in determinati momenti e in condizioni diverse.

 

fonte:

  • Elise R. Facer-Childs, Benita Middleton, Debra J. Skene, Andrew P. Bagshaw. Resetting the late timing of ‘night owls’ has a positive impact on mental health and performance. Sleep Medicine, 2019; DOI: 10.1016/j.sleep.2019.05.001

Articolo a cura della dottressa Arianna Patriarca

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: nottambuli ritmo sonno-veglia news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Sta con me ma ama ancora la su…

Fede.love.23, 47     Sono separata e vivo da sola con 2 figli a carico senza nessun aiuto economico del mio ex marito.Sto con lui da 5 anni ma fi...

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni