Pubblicità

I nuovi linguaggi digitali: emoji ed emoticon

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4946 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Emoji ed emoticon possono fornire informazioni chiave tipiche della comunicazione faccia a faccia, ed ancora della più comune forma del linguaggio scritto, come quella utilizzata nei libri di testo.

comunicazione, messaggi, emoji, emoticonUna nuova ricerca ha scoperto che i messaggi di testo come le emoticon, le ortografie irregolari ed i punti esclamativi nei messaggi di testo non sono semplicemente metodi grezzi o sciatti per sostituire il linguaggio scritto.

I ricercatori della Binghamton University, State University di New York, spiegano che questa tipologia di messaggi di testo aiutano a trasmettere significato e intenti in assenza di conversazioni verbali.

"In contrasto con la conversazione faccia a faccia, i messaggi di testo o “texters” (che comprendono anche l’invio di emoji ed emoticon) non possono fare affidamento su spunti extralinguistici come il tono della voce e le pause od i segnali non linguistici come le espressioni facciali ed i gesti", ha riferito la Dottoressa Celia Klin.

"In una conversazione orale, le espressioni (extralinguistiche e non) non sono semplicemente aggiunte alle nostre parole;  ma trasmettono delle informazioni critiche ed essenziali negli scambi comunicativi. Un'espressione facciale o un tono ascendente di voce può cambiare completamente il significato delle nostre parole", ha poi affermato la Dottoressa Celia Klin.

"È stato suggerito che un modo in cui i texters aggiungono significato alle parole è usando "textisms" – come ad esempio attraverso l’invio di emoticon, emoji, ortografia irregolare (cosaaaaaa) ed un uso irregolare della punteggiatura (!!!)."

Uno studio condotto nel 2016 dalla Klin ha rilevato che i messaggi di testo che terminano con un punto sono considerati meno sinceri dei messaggi di testo che non terminano con un punto.

La Klin ha poi approfondito ulteriormente questo argomento, conducendo esperimenti per verificare se le persone che leggono i testi (di un sms) comprendono i messaggi che utilizzano questo tipo particolare di linguaggio (fatto di simboli più che di parole);  chiedendo inoltre loro come la comprensione di un testo di una sola parola (ad esempio, sì, no, forse) in risposta ad un invito sia influenzata dalla presenza o dall’assenza , di un “periodo chiuso” tramite l’uso della punteggiatura (ad es. il punto, come conclusione di un pensiero).

"Nella scrittura formale, come ad esempio quella che ritroviamo in un romanzo o in un saggio, il punto è quasi sempre usato grammaticalmente per indicare che una frase è completa. Nei messaggi di testo od sms, si è scoperto invece, che il punto, e la punteggiatura in generale, può essere utilizzata retoricamente per aggiungere significato ", ha detto la Dottoressa Klin.

Pubblicità

"In particolare, ciò si è potuto osservare quando all’invio di una domanda (ad esempio: “Ho un nuovo cane. Vuoi venire a vederlo?”), L’altro interlocutore rispondeva con una sola parola (ad esempio, sì);  chi leggeva il messaggio di testo assegnava un significato differente alla risposta ricevuta, a seconda se si concludeva con un un “periodo chiuso” da un punto (sì.) o meno (sì).

Si è potuto concludere, che sebbene la punteggiatura svolga una funzione grammaticale anche nei messaggi, proprio come accade nel tipo di scrittura più formale, essa può tuttavia anche contribuire nel modificare il significato del testo del messaggio.

I ricercatori sono consapevoli che i messaggi di testo rappresentano una nuova forma di linguaggio che si evolve in tempo reale. In quanto tale, questo è un momento unico per osservare il modo in cui i metodi di comunicazione tradizionali si adattano al nuovo canale.

Quello che stiamo vedendo con la comunicazione elettronica è che, come per qualsiasi esigenza linguistica insoddisfatta, stanno emergendo nuove costruzioni linguistiche per colmare il divario tra ciò che le persone vogliono esprimere e ciò che sono in grado di esprimere con gli strumenti a loro disposizione.

I risultati indicano che la nostra comprensione della lingua scritta varia da un contesto all'altro. Leggiamo i messaggi (chat o sms)  in un modo leggermente diverso da quello con cui leggiamo il linguaggio scritto utilizzato nei romanzi o nei saggi. Inoltre, tutti gli elementi dei nostri messaggi - la punteggiatura che scegliamo, il modo in cui le parole sono scritte, un tipo particolare faccina (emoticon) - possono cambiare realmente il significato di ciò che si vuole comunicare.

La speranza, naturalmente, è che il significato che viene compreso dalla persona a cui il messaggio è stato inviato sia davvero quello che intendevamo. Spesso infatti questa tipologia di messaggistica può causare incomprensioni tra gli interlocutori.

"I risultati degli attuali esperimenti rafforzano l'affermazione che la divergenza dalla lingua inglese formale scritta che si trova nella comunicazione digitale non è né arbitraria né approssimativa", ha affermato Klin.

Lo studio è stato pubblicato nella rivista Computers in Human Behavior.

 

Tratto da Psych Central

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: linguaggio comunicazione news di psicologia messaggi; messaggi di testo; sms; emoji; emoticon; Celia Klin; linguaggi digitali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni