Pubblicità

I poteri del placebo. Una nuova ricerca ne evidenzia la reale portata.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 420 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I placebo si dimostrano potenti anche quando le persone sono consapevoli che ne stanno prendendo uno.

I poteri del placebo. Una nuova ricerca ne evidenzia la reale portat
Quanto di un trattamento è nella mente del paziente, al di sopra della materia?

È ben documentato che le persone spesso si sentono meglio dopo aver effettuato un trattamento privo di principi attivi semplicemente perché credono che sia reale, noto come effetto placebo.

Un team di ricercatori della Michigan State University, dell'Università del Michigan e del Dartmouth College è il primo a dimostrare che i placebo riducono i marker cerebrali del disagio emotivo anche quando le persone sanno che ne stanno assumendo uno.

Ora, le prove mostrano che anche se le persone sono consapevoli che il loro trattamento non è "reale" - noto come placebo non ingannevole- credere che potrà guarire può portare a cambiamenti nel modo in cui il cervello reagisce alle informazioni emotive.

Come afferma l'autore principale: "Pensa: cosa succederebbe se qualcuno prendesse una pillola di zucchero senza effetti collaterali due volte al giorno dopo aver guardato un breve video convincente sul potere dei placebo e sperimentato una riduzione dello stress di conseguenza?" . "Questi risultati sollevano questa possibilità".

Le nuove scoperte, pubblicate nell'edizione più recente della rivista Nature Communications, hanno testato l'efficacia dei placebo non ingannevoli - ovvero, una condizione in cui la persona è informata di ricevere un placebo - nel ridurre l'attività cerebrale emotiva.

"I placebo riguardano il potere della" mente sul corpo ", ha detto Jason Moser, coautore dello studio e professore di psicologia alla MSU. "I placebo non ingannevoli sono nati in modo che tu possa usarli nella pratica di routine. Quindi, piuttosto che prescrivere una serie di farmaci per aiutare un paziente, potresti dare loro un placebo, dire loro che può aiutarli e ,se credono che possa farlo,allora lo farà. "

Pubblicità

Per testare i placebo non ingannevoli i ricercatori hanno mostrato a due gruppi separati di persone una serie di immagini emotive in due esperimenti.

I membri del gruppo dei placebo non ingannevoli hanno letto degli effetti del placebo e gli è stato chiesto di inalare uno spray nasale con soluzione salina. È stato detto loro che lo spray nasale era un placebo e che non conteneva ingredienti attivi ma che avrebbe aiutato a ridurre i loro sentimenti negativi se avessero creduto che lo avrebbe fatto. I membri del gruppo di controllo di hanno anche inalato lo stesso spray con soluzione salina, ma gli è stato detto che lo spray aveva migliorato la chiarezza delle letture fisiologiche che i ricercatori stavano registrando.

Il primo esperimento ha scoperto che i placebo non ingannevoli riducevano il disagio emotivo auto-riferito dei partecipanti.

È importante sottolineare che il secondo studio ha dimostrato che i placebo non ingannevoli riducono l'attività elettrica del cervello che riflette la quantità di angoscia che si prova per gli eventi emotivi e la riduzione dell'attività cerebrale emotiva si è verificata in appena un paio di secondi.

"Questi risultati forniscono un supporto iniziale dell'ipotesi che i placebo non ingannevoli non sono semplicemente il prodotto di un bias di risposta - che dicono allo sperimentatore quello che vogliono sentire - ma rappresentano veri effetti psicobiologici", ha detto Ethan Kross, coautore dello studio e professore di psicologia e management presso l'Università del Michigan.

I ricercatori stanno già dando seguito ai loro dati con uno studio su placebo non ingannevoli nella vita reale per lo stress da COVID-19.

 

Reference:

  1. Darwin A. Guevarra, Jason S. Moser, Tor D. Wager, Ethan Kross. Placebos without deception reduce self-report and neural measures of emotional distress. Nature Communications, 2020; 11 (1) DOI: 10.1038/s41467-020-17654-y

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

News Letters

0
condivisioni