Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

I problemi? Risolvili con le fiabe!

on . Postato in News di psicologia


«C’era una volta una principessa…». Con questa frase si può guarire nel corpo e nell’anima. Merito della psicosomatica, che usa la fiaba come strumento terapeutico.

Chi pensa ancora che le fiabe siano roba da bambini dovrebbe ricredersi: la fiaba, oltre che un piacere, è un importante strumento cognitivo.

Ad usarlo sono soprattutto gli psicologi e psicoterapeuti che seguono l’approccio psicosomatico, secondo cui sintomi fisici e sintomi psichici sono strettamente correlati.
La tecnica della fiabazione serve appunto per scoprire le dinamiche di questa relazione, e risolvere sia disturbi organici che problemi relazionali, affettivi o lavorativi.
Non a caso è considerata una tecnica di problem solving.

Il meccanismo della fiaba, infatti, si presta con facilità all’espressione dell’inconscio, perché permette di staccarsi dal piano razionale in modo da far emergere aspetti sconosciuti e istintivi.

I personaggi scelti, ad esempio, dicono molto di ognuno di noi, anche se spesso sono quelli della fiaba classica. Le figure femminili rappresentano quasi sempre legami e rapporti con la figura materna: la fata o la buona vecchina che aiutano a crescere, la strega che impedisce l’indipendenza e lo sviluppo sessuale, la matrigna che incarna i difetti più profondi…
I mostri evocano invece la forza cieca e distruttrice di un inconscio incontrollabile, al contrario degli angeli portatori di coscienza. Esistono poi figure assimilabili a quella paterna (il re, il mago e lo stregone), e persino animali che incarnano difetti e virtù.
Le ambientazioni hanno un significato ancora più profondo, e indicano come viene vissuto il contesto quotidiano.

La struttura della fiaba si basa sempre su tre momenti tipici: un inizio di apparente equilibrio, una fase di crisi in cui emerge il problema, e una conclusione con il classico vissero felici e contenti, che rappresenta la soluzione del problema.
Di solito chi la inventa non approda subito all’ultima fase, ma è qui che entra in gioco la valenza terapeutica: se la fiaba riproduce in maniera simbolica i processi fisici e psichici in atto, modificando la fiaba si può agire su di essi.

Tratto da: Salute e Benessere, continua la lettura nell'articolo.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

avvocato (1505948867148)

valbuena, 29       Sono un giovane avvocato della provincia di Napoli. Sono fidanzato da 8 anni con una ragazza di 25 anni. ...

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

News Letters