Pubblicità

I problemi? Risolvili con le fiabe!

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 396 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


«C’era una volta una principessa…». Con questa frase si può guarire nel corpo e nell’anima. Merito della psicosomatica, che usa la fiaba come strumento terapeutico.

Chi pensa ancora che le fiabe siano roba da bambini dovrebbe ricredersi: la fiaba, oltre che un piacere, è un importante strumento cognitivo.

Ad usarlo sono soprattutto gli psicologi e psicoterapeuti che seguono l’approccio psicosomatico, secondo cui sintomi fisici e sintomi psichici sono strettamente correlati.
La tecnica della fiabazione serve appunto per scoprire le dinamiche di questa relazione, e risolvere sia disturbi organici che problemi relazionali, affettivi o lavorativi.
Non a caso è considerata una tecnica di problem solving.

Il meccanismo della fiaba, infatti, si presta con facilità all’espressione dell’inconscio, perché permette di staccarsi dal piano razionale in modo da far emergere aspetti sconosciuti e istintivi.

I personaggi scelti, ad esempio, dicono molto di ognuno di noi, anche se spesso sono quelli della fiaba classica. Le figure femminili rappresentano quasi sempre legami e rapporti con la figura materna: la fata o la buona vecchina che aiutano a crescere, la strega che impedisce l’indipendenza e lo sviluppo sessuale, la matrigna che incarna i difetti più profondi…
I mostri evocano invece la forza cieca e distruttrice di un inconscio incontrollabile, al contrario degli angeli portatori di coscienza. Esistono poi figure assimilabili a quella paterna (il re, il mago e lo stregone), e persino animali che incarnano difetti e virtù.
Le ambientazioni hanno un significato ancora più profondo, e indicano come viene vissuto il contesto quotidiano.

La struttura della fiaba si basa sempre su tre momenti tipici: un inizio di apparente equilibrio, una fase di crisi in cui emerge il problema, e una conclusione con il classico vissero felici e contenti, che rappresenta la soluzione del problema.
Di solito chi la inventa non approda subito all’ultima fase, ma è qui che entra in gioco la valenza terapeutica: se la fiaba riproduce in maniera simbolica i processi fisici e psichici in atto, modificando la fiaba si può agire su di essi.

Tratto da: Salute e Benessere, continua la lettura nell'articolo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni