Pubblicità

I problemi? Risolvili con le fiabe!

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 494 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


«C’era una volta una principessa…». Con questa frase si può guarire nel corpo e nell’anima. Merito della psicosomatica, che usa la fiaba come strumento terapeutico.

Chi pensa ancora che le fiabe siano roba da bambini dovrebbe ricredersi: la fiaba, oltre che un piacere, è un importante strumento cognitivo.

Ad usarlo sono soprattutto gli psicologi e psicoterapeuti che seguono l’approccio psicosomatico, secondo cui sintomi fisici e sintomi psichici sono strettamente correlati.
La tecnica della fiabazione serve appunto per scoprire le dinamiche di questa relazione, e risolvere sia disturbi organici che problemi relazionali, affettivi o lavorativi.
Non a caso è considerata una tecnica di problem solving.

Il meccanismo della fiaba, infatti, si presta con facilità all’espressione dell’inconscio, perché permette di staccarsi dal piano razionale in modo da far emergere aspetti sconosciuti e istintivi.

I personaggi scelti, ad esempio, dicono molto di ognuno di noi, anche se spesso sono quelli della fiaba classica. Le figure femminili rappresentano quasi sempre legami e rapporti con la figura materna: la fata o la buona vecchina che aiutano a crescere, la strega che impedisce l’indipendenza e lo sviluppo sessuale, la matrigna che incarna i difetti più profondi…
I mostri evocano invece la forza cieca e distruttrice di un inconscio incontrollabile, al contrario degli angeli portatori di coscienza. Esistono poi figure assimilabili a quella paterna (il re, il mago e lo stregone), e persino animali che incarnano difetti e virtù.
Le ambientazioni hanno un significato ancora più profondo, e indicano come viene vissuto il contesto quotidiano.

La struttura della fiaba si basa sempre su tre momenti tipici: un inizio di apparente equilibrio, una fase di crisi in cui emerge il problema, e una conclusione con il classico vissero felici e contenti, che rappresenta la soluzione del problema.
Di solito chi la inventa non approda subito all’ultima fase, ma è qui che entra in gioco la valenza terapeutica: se la fiaba riproduce in maniera simbolica i processi fisici e psichici in atto, modificando la fiaba si può agire su di essi.

Tratto da: Salute e Benessere, continua la lettura nell'articolo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni