Pubblicità

I problemi? Risolvili con le fiabe!

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 459 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


«C’era una volta una principessa…». Con questa frase si può guarire nel corpo e nell’anima. Merito della psicosomatica, che usa la fiaba come strumento terapeutico.

Chi pensa ancora che le fiabe siano roba da bambini dovrebbe ricredersi: la fiaba, oltre che un piacere, è un importante strumento cognitivo.

Ad usarlo sono soprattutto gli psicologi e psicoterapeuti che seguono l’approccio psicosomatico, secondo cui sintomi fisici e sintomi psichici sono strettamente correlati.
La tecnica della fiabazione serve appunto per scoprire le dinamiche di questa relazione, e risolvere sia disturbi organici che problemi relazionali, affettivi o lavorativi.
Non a caso è considerata una tecnica di problem solving.

Il meccanismo della fiaba, infatti, si presta con facilità all’espressione dell’inconscio, perché permette di staccarsi dal piano razionale in modo da far emergere aspetti sconosciuti e istintivi.

I personaggi scelti, ad esempio, dicono molto di ognuno di noi, anche se spesso sono quelli della fiaba classica. Le figure femminili rappresentano quasi sempre legami e rapporti con la figura materna: la fata o la buona vecchina che aiutano a crescere, la strega che impedisce l’indipendenza e lo sviluppo sessuale, la matrigna che incarna i difetti più profondi…
I mostri evocano invece la forza cieca e distruttrice di un inconscio incontrollabile, al contrario degli angeli portatori di coscienza. Esistono poi figure assimilabili a quella paterna (il re, il mago e lo stregone), e persino animali che incarnano difetti e virtù.
Le ambientazioni hanno un significato ancora più profondo, e indicano come viene vissuto il contesto quotidiano.

La struttura della fiaba si basa sempre su tre momenti tipici: un inizio di apparente equilibrio, una fase di crisi in cui emerge il problema, e una conclusione con il classico vissero felici e contenti, che rappresenta la soluzione del problema.
Di solito chi la inventa non approda subito all’ultima fase, ma è qui che entra in gioco la valenza terapeutica: se la fiaba riproduce in maniera simbolica i processi fisici e psichici in atto, modificando la fiaba si può agire su di essi.

Tratto da: Salute e Benessere, continua la lettura nell'articolo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Scrivere un articolo per farsi…

un professionista che vuole far conoscere il suo lavoro deve imparare a utilizzare i canali che la tecnologia  mette a nostra disposizione e la stesura di ...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni