Pubblicità

I sintomi dell'abuso di alcol vengono alleviati da estratti vegetali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 242 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le credenze popolari sulla disidratazione e l'esaurimento dei minerali legate alla quantità eccessiva di alcol possono essere fuorvianti.

sbornia


Una combinazione di estratti vegetali di frutta, foglie e radici può aiutare ad alleviare i sintomi di postumi di una sbornia, rivela una ricerca pubblicata online su BMJ Nutrition Prevention & Health.

L’opinione comune che sono gli effetti disidratanti dell'alcol e la perdita associata di elettroliti - minerali caricati elettricamente nel corpo che aiutano a bilanciare il contenuto di acqua e i livelli di acidità – ad esssere in gran parte responsabili di alcuni dei sintomi più comuni dei postumi di una sbornia, potrebbe essere sbagliata, indicano i risultati.

Vari rimedi naturali vengono raccomandati per alleviare i sintomi dei postumi di una sbornia, ma non c’è ancora forte evidenza scientifica per il loro uso.

Nel tentativo di affrontarlo, i ricercatori hanno valutato il potenziale di estratti vegetali, vitamine e minerali e composti antiossidanti specifici per alleviare una serie di sintomi fisici e psicologici riconosciuti associati al consumo di alcolici.

Gli estratti vegetali includevano ciliegia di Barbados (Acerola), fico d'India, ginkgo biloba, salice e radice di zenzero. Le vitamine e i minerali includevano magnesio, potassio, bicarbonato di sodio, zinco, riboflavina, tiamina e acido folico.

Circa 214 soggetti sani di età compresa tra 18 e 65 anni sono stati divisi casualmente in tre gruppi e hanno ricevuto un integratore solubile in acqua aromatizzato 7,5 g 45 minuti prima e immediatamente dopo aver smesso di bere birra, vino bianco o spritz di vino bianco.

Al primo gruppo (69) è stato somministrato un integratore contenente estratti vegetali, vitamine e minerali e altri composti antiossidanti: glicosidi steviolici e inulina. Al secondo gruppo (76) è stato somministrato un supplemento meno gli estratti vegetali, mentre al terzo gruppo (69) è stato somministrato glucosio da solo (placebo).

Pubblicità

Il numero e il tipo di bevande consumate è stato registrato così come quante volte hanno svuotato la vescica tra il 1700 e il 2100 ore.

Sono stati prelevati campioni di sangue e delle urine e misurazioni della pressione sanguigna prima e dopo l'inizio di questo periodo di quattro ore, dopo di che i

partecipanti sono stati rimandati a casa per riprendersi.

Dodici ore dopo sono stati prelevati gli stessi campioni e le misurazioni della pressione sanguigna e i partecipanti hanno compilato un questionario sul tipo e l'intensità

dei sintomi di postumi di una sbornia percepiti, che sono stati classificati su una scala da zero a 10. La quantità media di alcol consumata era praticamente la stessa in tutti e tre i gruppi: 0,62 ml / minuto.

L'intensità media del mal di testa è stata del 34% in meno, la nausea del 42% in meno, mentre i sentimenti di indifferenza sono diminuiti in media del 27% e irrequietezza del 41%. Non sono state segnalate differenze o riduzioni significative per nessuno degli altri sintomi.

Polifenoli e composti flavonoidi in ciascuno dei cinque estratti vegetali sono stati associati alla riduzione dell'impatto fisiologico dell'alcol in studi sperimentali precedentemente pubblicati, spiegano i ricercatori. Ma non è chiaro in che modo agiscano.

"I meccanismi sottostanti rimangono da svelare e sicuramente necessitano di ulteriori approfondimenti", suggeriscono.

Nessuna differenza significativa in alcun sintomo è stata segnalata da coloro che assumevano il supplemento senza gli estratti vegetali, suggerendo che gli estratti vegetali erano in gran parte responsabili dei cambiamenti osservati, affermano i ricercatori.

E l'assenza di qualsiasi impatto osservato per vitamine e minerali da soli suggerisce che l'alcol potrebbe non influire sull'elettrolito e sull'equilibrio minerale, come si pensa comunemente, aggiungono.

La loro analisi ha anche mostrato che i livelli di acqua contenuta nel corpo non erano significativamente associati alla quantità di alcol bevuto.

"I nostri risultati suggeriscono che una maggiore escrezione di liquidi indotta dall'alcol non porta necessariamente a un significativo processo di disidratazione", scrivono.

"Sembra chiaro che i sintomi della sbornia sono principalmente causati dall'alcol e dai suoi metaboliti", concludono.

 

Reference:

Bernhard Lieb, Patrick Schmitt. Randomised double-blind placebo-controlled intervention study on the nutritional efficacy of a food for special medical purposes (FSMP) and a dietary supplement in reducing the symptoms of veisalgia. BMJ Nutrition, Prevention & Health, 2020; bmjnph-2019-000042 DOI: 10.1136/bmjnph-2019-000042

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: alcol abuso hangover

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

News Letters

0
condivisioni