Pubblicità

I Social Network possono facilitare l'ansia interpersonale?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1071 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Hai mai desiderato raccontare a qualcuno una dura giornata di lavoro, ma ti sentivi nervoso nel chiamare un amico e condividere quello che stava succedendo?

Social NetworkUna nuova ricerca suggerisce che la tecnologia in generale, ed in particolare l’ambito che riguarda i Social Network possa essere utile ad aiutare le persone che si sentono apprensive o insicure nelle interazioni sociali.

Questo canale di comunicazione relativamente nuovo è stato trovato per aiutare le persone a regolare le emozioni durante i momenti del bisogno.

"Quando le persone si sentono male, hanno bisogno di raggiungere gli altri in quanto ciò può aiutare a ridurre le emozioni negative e ripristinare un senso di benessere", ha riferito la Dott.ssa Eva Buechel, professoressa nella Business School dell’University of South Carolina.

"Parlare a qualcuno faccia a faccia o al telefono potrebbe scoraggiare gli individui più insicuri nelle relazioni sociali perché troppo preoccupati di infastidire il loro interlocutore”. La condivisione di un aggiornamento di stato su Facebook o  di un Tweet su Twitter consente alle persone di raggiungere un vasto pubblico in modo più indiretto".

La condivisione di brevi messaggi rivolti ad un pubblico su di un Social Network, chiamato “microblogging”, consente alle persone di raggiungere, senza imporre comunicazioni indesiderate, qualcuno che potrebbe sentirsi obbligato a rispondere.

Le risposte online sui Social Network sono più spontanee. Per verificare se le persone sono maggiormente predisposte al “microblog” quando si sentono “socialmente apprensive”, la Buechel ha chiesto ai partecipanti di un gruppo di scrivere e raccontare un momento in cui non avevano nessuno con cui parlare a una festa, mentre il gruppo di controllo dello studio scrisse dei pensieri relativi ai prodotti per ufficio.

Successivamente venne chiesto ai partecipanti che avevano un account su un qualunque Social Network di accedervi e di trascorrere almeno due minuti sul loro Social preferito. Al termine di questi due minuti, è stato chiesto alle persone se avessero “microbloggato”. I risultati mostrarono che coloro che erano stati portati a sentirsi “socialmente apprensivi” avevano maggiori probabilità di  “microblog”.

Pubblicità

Per esplorare chi aveva maggiori probabilità di microblog, la Dottoressa Buechel ha poi condotto un altro esperimento in cui un gruppo di partecipanti guardava una clip del film "Il Silenzio degli Innocenti", mentre il gruppo di controllo osservava dei filmati di immagini dallo spazio.

I soggetti del secondo studio dovevano poi rispondere a delle domande su come avrebbero preferito esprimersi per commentare e condividere ciò che avevano appena guardato, scegliendo tra tre diverse forme di comunicazione: il microblogging, di persona o tramite messaggio diretto (un messaggio privato online per un individuo specifico).

Alla fine, è stato chiesto ai partecipanti di rispondere a una serie di domande che misuravano il loro livello di ansia sociale in una varietà di situazioni.

La Buechel ha quindi scoperto che le persone che ottenevano punteggi più alti nella Scala di Apprensione Sociale avevano maggiori probabilità di “microblog” dopo aver sperimentato emozioni negative (come conseguenza del guardare la clip del film "Il Silenzio degli Innocenti").

Le persone che, invece, ottenevano punteggi più bassi nella Scala di Apprensione Sociale, tuttavia, erano più interessate a condividere faccia a faccia o tramite messaggio diretto dopo aver guardato la medesima clip del film.

"Molti studi hanno precedentemente dimostrato che condividere online è meno ideale che avere una comunicazione di persona, tuttavia, i Social Network potrebbero essere un canale di comunicazione importante per alcuni individui che altrimenti rimarrebbero isolati".

La Dottoressa Buechel ha comunque riconosciuto che c'è un effettivo pericolo per chi inizia a fare affidamento sui Social Media come unica forma di comunicazione, ma se usato con saggezza, il “microblogging” può essere un valido mezzo per tamponare le emozioni negative attraverso l'interazione sociale.

 

Tratto da Psych Central

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: social network interazioni sociali; microblogging; ansia interpersonale;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni