Pubblicità

I soldi fanno la felicità?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 723 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il famoso detto sui soldi e la felicità pare contraddetto da un recente studio di due psicologi inglesi, Andrei Oswald e Jonathan Gardner della Warwick University, che hanno rilevato come invece la disponibilità di contante e la possibilità di spenderlo aumenti il sentimento di benessere delle persone.

L’indagine in questione è iniziata nel 1990 e si è protratta per oltre un decennio coinvolgendo circa 9000 famiglie inglesi nella compilazione di questionari e test vari per individuare alcuni indicatori direttamente collegati al sentimento di benessere psicologico. In alcuni casi si è osservato l’effetto di vincite alla lotteria e di eredità di cui taluni soggetti della ricerca erano stati beneficiati e le stime attraverso i questionari utilizzati hanno mostrato un significativo miglioramento delle condizioni di benessere psichico nel periodo successivo a tali eventi fortunati.

Altri elementi importanti per raggiungere un buon grado di benessere mentale si sono rivelati essere una buona salute e relazioni interpersonali gratificanti, al primo posto quella con il partner. I fattori invece considerati maggiormente negativi dal campione di studio nell’influenzare il proprio senso di benessere psicologico erano soprattutto la perdita del posto di lavoro e problematiche connesse all’occupazione e le situazioni di separazione e divorzio dal coniuge.

I risultati della ricerca hanno mostrato inoltre che il benessere psichico segue un modello “ad U” in rapporto all’avanzamento con gli anni; gli individui infatti avrebbero sensazioni di benessere mentale soprattutto nei primi 30 anni di vita, per poi cominciare una leggera discesa e recuperare sensibilmente proseguendo fino ai 60 anni.

(tratto da: “Money Can Make You Happy, Says Survey” - The Guardian Unlimited – Jan. 2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni