Pubblicità

Identificato nel cervello il preparatore all'azione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 295 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Studiando questo sistema sarebbe possibile predire le azioni.

prepar azione news

I neuroscienziati dalla Bangor University del Galles e dello University College di Londra (UCL) hanno, per la prima volta, identificato i processi del nostro cervello che, alcuni millisecondi prima di una serie di movimenti, risultano importanti per il linguaggio, la scrittura a mano, gli sport oppure il suonare uno strumento musicale.

I ricercatori hanno potuto fare ciò, grazie alla misurazione dei piccoli campi magnetici dei partecipanti e dall'identificazione dei pattern unici che compongono ogni sequenza prima della sua esecuzione. Tracciando l'attività cerebrale, i ricercatori hanno potuto distinguere tra i meccanismi neurali associati alle azioni ben eseguite o quelle con errori.

Queste nuove informazioni potranno guidare lo sviluppo di interventi di riabilitazione post-ictus o di miglioramento della vita di persone con balbuzie, disprassia e di altre condizioni simili. La ricerca, realizzata grazie ai fondi di "Wellcome Trust", è stata pubblicata sulla rivista "Neuron".

L'autrice capo, la Dr. Katja Kornysheva, della Bangor University's School of Psychology ha spiegato il significato delle sue scoperte: "Usando una tecnica non invasiva che misura l'attività cerebrale sulla base di millisecondi, siamo stati capaci di tracciare l'attività cerebrale preparatoria all'azione dei partecipanti.

Questa rivela che il cervello si prepara per le azioni complesse nell'arco di millisecondi prima che le diverse azioni vengano eseguite nel corretto ordine. Esaminando gli impulsi cerebrali, abbiamo potuto osservare che, quando i partecipanti producevano le sequenze in modo accurato e corretto, senza errori, ogni attività era distribuita ed organizzata in anticipo per poi essere eseguita correttamente.

Pubblicità

Comunque, quando c'erano degli errori, le sequenze di azioni erano visibilmente meno organizzate". Il Professore Neil Burgess dell'Institute of Cognitive Neuroscience di UCL e co-autore dello studio ha concluso: "Con nostro stupore abbiamo anche scoperto che lo schema preparatorio riflette principalmente un modello temporale (primo,secondo e cosi via), che viene riutilizzato per le sequenze di azioni - come i cassetti dei mobili nei quali mettiamo gli oggetti.

Questo è un modo, per il cervello, di essere efficiente e flessibile, organizzando un progetto per le sequenze nuove e rimanendo organizzato. Sfortunatamente, i disturbi del controllo delle sequenze motorie e di fluenza possono influenzare questa organizzazione cerebrale. La speranza è che questa ricerca possa guidare allo sviluppo di decodificatori che aiutino le persone con i vari disturbi, con un feed-back istantaneo all'azione.

Questo potrebbe aiutare ad allenare i loro cervelli nella creazione degli stati corretti di preparazione all'azione e non avere difficoltà di controllo di sequenze motorie e linguistiche. Noi speriamo, inoltre che questa ricerca possa portare allo sviluppo di interfacce cervello-computer che possano essere utilizzata per persone con "locked-in" o paralisi corporee", oppure semplicemente con balbuzie o disprassia.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: azione news di psicologia preparazione balbuzie locked in disprassia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei loro sentimenti, credenze, speranze,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni