Pubblicità

I 3 nuovi fattori di rischio per prevenire la demenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 324 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

 Il 40% dei casi di demenza potrebbe essere prevenuto o ritardato prendendo di mira 12 fattori di rischio NELL'ARCO DI vita, dicono gli esperti.

I 3 nuovi fattori di rischio per prevenire la demenza
La modifica di 12 fattori di rischio nel corso della vita potrebbe ritardare o prevenire il 40% dei casi di demenza, secondo un rapporto aggiornato della Commissione Lancet sulla prevenzione, l'intervento e la cura della demenza presentato all'Alzheimer's Association International Conference (AAIC 2020).


Ventotto esperti di demenza leader a livello mondiale hanno aggiunto tre nuovi fattori di rischio nel nuovo rapporto:

  • consumo eccessivo di alcol;
  • lesioni alla testa nella mezza età;
  • inquinamento atmosferico in età avanzata;

Questi si aggiungono a nove fattori precedentemente individuati dalla Commissione nel 2017: minore istruzione nella prima infanzia; perdita dell'udito di mezza età, ipertensione e obesità; il fumo, la depressione, l'isolamento sociale, l'inattività fisica e il diabete più avanti nella vita (dai 65 anni in su).

"Stiamo imparando che le tattiche per evitare la demenza iniziano presto e continuano per tutta la vita, quindi non è mai troppo presto o troppo tardi per agire", afferma Lon Schneider, membro della commissione e presentatore dell'AAIC, co-direttore dell'USC Alzheimer Disease Research Center's nucleo clinico e professore di psichiatria e scienze comportamentali e neurologia presso la Keck School of Medicine della USC.

La demenza colpisce circa 50 milioni di persone a livello globale, un numero che dovrebbe più che triplicare entro il 2050, in particolare nei paesi a basso e medio reddito dove vivono circa i due terzi delle persone con demenza, secondo il rapporto.

Le donne hanno anche maggiori probabilità di sviluppare la demenza rispetto agli uomini.

Pubblicità

Tuttavia, in alcuni paesi, come gli Stati Uniti, l'Inghilterra e la Francia, la percentuale di persone anziane con demenza è diminuita, probabilmente in parte a causa dei cambiamenti nello stile di vita, dimostrando la possibilità di ridurre la demenza attraverso misure preventive, afferma Schneider.

Schneider e i membri della commissione raccomandano che i responsabili politici e gli individui adottino i seguenti interventi:

  • Obiettivo di mantenere la pressione sanguigna sistolica di 130 mm Hg o inferiore a partire dai 40 anni.
  • Incoraggiare l'uso di apparecchi acustici per la perdita dell'udito e ridurre la perdita dell'udito proteggendo le orecchie da livelli di rumore elevati.
  • Ridurre l'esposizione all'inquinamento atmosferico e al fumo di tabacco di seconda mano.
  • Prevenire lesioni alla testa (in particolare prendendo di mira le professioni ad alto rischio).
  • Limitare l'assunzione di alcol a non più di 21 unità a settimana (un'unità di alcol equivale a 10 ml o 8 g di alcol puro).
  • Smetti di fumare e aiuta gli altri a smettere di fumare.
  • Fornire a tutti i bambini un'istruzione primaria e secondaria.
  • Conduci una vita attiva nella mezza età e possibilmente in età avanzata.
  • Ridurre l'obesità e la condizione correlata del diabete.

Il rapporto sostiene anche un'assistenza olistica, individualizzata e basata sull'evidenza per i pazienti con demenza, che in genere hanno più ricoveri per condizioni che sono potenzialmente gestibili a casa e sono a maggior rischio di COVID-19.

Inoltre, raccomanda di fornire interventi per i caregiver familiari che sono a rischio di depressione e ansia.

I membri della commissione hanno condotto un'indagine approfondita di tutte le migliori prove nel campo, comprese revisioni sistematiche della letteratura, meta-analisi e studi individuali, per giungere alle loro conclusioni.

 

Reference:

Gill Livingston, Jonathan Huntley, Andrew Sommerlad, David Ames, Clive Ballard, Sube Banerjee, Carol Brayne, Alistair Burns, Jiska Cohen-Mansfield, Claudia Cooper, Sergi G Costafreda, Amit Dias, Nick Fox, Laura N Gitlin, Robert Howard, Helen C Kales, Mika Kivimäki, Eric B Larson, Adesola Ogunniyi, Vasiliki Orgeta, Karen Ritchie, Kenneth Rockwood, Elizabeth L Sampson, Quincy Samus, Lon S Schneider, Geir Selbæk, Linda Teri, Naaheed Mukadam. Dementia prevention, intervention, and care: 2020 report of the Lancet Commission. The Lancet, 2020; DOI: 10.1016/S0140-6736(20)30367-6

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

NPS (New Psychoactive Substanc…

Le nuove sostanze stupefacenti sono un fenomeno allarmante per la salute pubblica.  Il termine NPS, acronimo di “New Psychoactive Substances”, è stato pro...

News Letters

0
condivisioni