Pubblicità

Il bambino piange? Le mamme con un'infanzia positiva rispondono meglio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 337 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo studio è stato pubblicato su Child Development
Se è ormai noto - perché dimostrato da diversi studi - che le mamme che rispondono rapidamente al pianto dei propri pargoletti favoriscono - rispetto alle madri meno sensibili - un buon sviluppo emotivo dei bambini stessi, che crescono sentendosi compresi e sostenuti, una nuova ricerca ha messo in evidenza che a fare la differenza nella capacità di una donna di rispondere al pianto di un neonato è la positività delle esperienze legate alla propria infanzia: dallo studio pubblicato su Child Development è infatti emerso che le donne che hanno avuto esperienze positive - o che hanno completamente superato le difficoltà eventualmente incontrate - rispondono meglio, una volta diventate mamme, al pianto dei neonati.
"Rispondere al pianto dei bambini è un compito difficile ma importante - spiega Esther Leerkes della University of North Carolina, prima autrice dello studio realizzato in collaborazione con il Fuller Theological Seminary e con la Hebrew University of Jerusalem -. Alcune madri possono avere bisogno di aiuto per controllare la propria angoscia e riuscire a interpretare il pianto dei bambini come un tentativo di comunicare bisogni o disagio".


Tratto da www.salute24.ilsole24ore.com/Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni