Pubblicità

Il bambino piange? Le mamme con un'infanzia positiva rispondono meglio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 356 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo studio è stato pubblicato su Child Development
Se è ormai noto - perché dimostrato da diversi studi - che le mamme che rispondono rapidamente al pianto dei propri pargoletti favoriscono - rispetto alle madri meno sensibili - un buon sviluppo emotivo dei bambini stessi, che crescono sentendosi compresi e sostenuti, una nuova ricerca ha messo in evidenza che a fare la differenza nella capacità di una donna di rispondere al pianto di un neonato è la positività delle esperienze legate alla propria infanzia: dallo studio pubblicato su Child Development è infatti emerso che le donne che hanno avuto esperienze positive - o che hanno completamente superato le difficoltà eventualmente incontrate - rispondono meglio, una volta diventate mamme, al pianto dei neonati.
"Rispondere al pianto dei bambini è un compito difficile ma importante - spiega Esther Leerkes della University of North Carolina, prima autrice dello studio realizzato in collaborazione con il Fuller Theological Seminary e con la Hebrew University of Jerusalem -. Alcune madri possono avere bisogno di aiuto per controllare la propria angoscia e riuscire a interpretare il pianto dei bambini come un tentativo di comunicare bisogni o disagio".


Tratto da www.salute24.ilsole24ore.com/Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

News Letters

0
condivisioni