Pubblicità

Il bullismo infantile potrebbe portare all’aumento del rischio di malattie croniche in età adulta

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1331 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Essere vittima di bullismo durante l’infanzia potrebbe avere effetti negativi sulla salute a causa dell’esposizione cronica allo stress, con aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache e diabete in età adulta.

bullismo infantile

Il recente progresso nella comprensione degli effetti negativi sulla salute dello stress cronico evidenziano la necessità di chiarire le implicazioni per la salute a lungo termine del fenomeno del bullismo infantile, dal momento che esso comporta uno stress cronico con conseguenze negative sulla salute in assenza di un intervento precoce.

Impatto del bullismo sulla salute: qual è la prova?

Il bullismo è stato collegato a un aumento del rischio di disturbi psichiatrici, anche se ci sono ancora dubbi su questa associazione. I bambini vittime di bullismo presentano alti tassi di sintomi fisici ricorrenti e a presenza di sintomi inspiegabili può essere un segnale d’avvertimento del bullismo. E’ importante che si valorizzi la connessione tra i processi psicologici e fisiologici ed il loro potenziale impatto sulla salute a lungo termine.

Altri studi avanzano l’ipotesi secondo cui il bullismo sia una forma di stress sociale cronico, che ha conseguenze a lungo termine sulla salute fisica. Ogni forma di continuo stress fisico o mentale mette a dura prova il corpo, causando il peggioramento delle proprie condizioni di salute. Questo processo, definito “carico allostatico”, riflette l’impatto cumulativo delle risposte biologiche a stress continuo, ad esempio la risposta di “attacco o fuga”.

Quando un individuo è esposto a brevi periodi di stress, il corpo può spesso far fronte in maniera efficace alla sfida e tornare nuovamente a una condizione di normalità. Tuttavia, nel caso dello stress cronico, questo processo di recupero non può sempre verificarsi ed il carico allostatico finisce per divenire un sovraccarico. In questa condizione di sovraccarico allostatico, i processi fisiologici fondamentali per la salute e per il benessere possono essere influenzati negativamente.

Lo stress cronico può condurre a cambiamenti nelle risposte infiammatorie, ormonali e metaboliche. Queste alterazioni fisiologiche possono contribuire allo sviluppo di patologie, quali la depressione, diabete, malattie cardiache e disturbi psichiatrici.

L’esposizione allo stress nelle prime fasi della vita può anche influenzare il modo in cui questi sistemi fisiologici rispondono a fattori stressanti in futuro. Ciò può avvenire in parte attraverso modifiche epigenetiche (alterazione nella funzione del gene associate all’esposizione ambientale) che alterano la risposta allo stress.

Lo stress cronico comprometterebbe anche la capacità del bambino di sviluppare competenze psicologiche quali la resilienza, con una conseguente riduzione della capacità del bambino di fronteggiare lo stress.

E’ importante sottolineare che, anche se non è attualmente dimostrabile una relazione causa – effetto, la ricerca potrebbe avere importanti implicazioni per la comprensione del rapporto tra bullismo infantile e salute a lungo termine, con l’attuazione di interventi volti ad evitare l’esposizione traumatica e a ridurre il rischio di ulteriori patologie.

 

 

Tratto da: psypost

 

 

(Taduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: vittime di bullismo bullismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il termine indica le strategie...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni