Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il bullismo infantile potrebbe portare all’aumento del rischio di malattie croniche in età adulta

on . Postato in News di psicologia

Essere vittima di bullismo durante l’infanzia potrebbe avere effetti negativi sulla salute a causa dell’esposizione cronica allo stress, con aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache e diabete in età adulta.

bullismo infantile

Il recente progresso nella comprensione degli effetti negativi sulla salute dello stress cronico evidenziano la necessità di chiarire le implicazioni per la salute a lungo termine del fenomeno del bullismo infantile, dal momento che esso comporta uno stress cronico con conseguenze negative sulla salute in assenza di un intervento precoce.

Impatto del bullismo sulla salute: qual è la prova?

Il bullismo è stato collegato a un aumento del rischio di disturbi psichiatrici, anche se ci sono ancora dubbi su questa associazione. I bambini vittime di bullismo presentano alti tassi di sintomi fisici ricorrenti e a presenza di sintomi inspiegabili può essere un segnale d’avvertimento del bullismo. E’ importante che si valorizzi la connessione tra i processi psicologici e fisiologici ed il loro potenziale impatto sulla salute a lungo termine.

Altri studi avanzano l’ipotesi secondo cui il bullismo sia una forma di stress sociale cronico, che ha conseguenze a lungo termine sulla salute fisica. Ogni forma di continuo stress fisico o mentale mette a dura prova il corpo, causando il peggioramento delle proprie condizioni di salute. Questo processo, definito “carico allostatico”, riflette l’impatto cumulativo delle risposte biologiche a stress continuo, ad esempio la risposta di “attacco o fuga”.

Quando un individuo è esposto a brevi periodi di stress, il corpo può spesso far fronte in maniera efficace alla sfida e tornare nuovamente a una condizione di normalità. Tuttavia, nel caso dello stress cronico, questo processo di recupero non può sempre verificarsi ed il carico allostatico finisce per divenire un sovraccarico. In questa condizione di sovraccarico allostatico, i processi fisiologici fondamentali per la salute e per il benessere possono essere influenzati negativamente.

Lo stress cronico può condurre a cambiamenti nelle risposte infiammatorie, ormonali e metaboliche. Queste alterazioni fisiologiche possono contribuire allo sviluppo di patologie, quali la depressione, diabete, malattie cardiache e disturbi psichiatrici.

L’esposizione allo stress nelle prime fasi della vita può anche influenzare il modo in cui questi sistemi fisiologici rispondono a fattori stressanti in futuro. Ciò può avvenire in parte attraverso modifiche epigenetiche (alterazione nella funzione del gene associate all’esposizione ambientale) che alterano la risposta allo stress.

Lo stress cronico comprometterebbe anche la capacità del bambino di sviluppare competenze psicologiche quali la resilienza, con una conseguente riduzione della capacità del bambino di fronteggiare lo stress.

E’ importante sottolineare che, anche se non è attualmente dimostrabile una relazione causa – effetto, la ricerca potrebbe avere importanti implicazioni per la comprensione del rapporto tra bullismo infantile e salute a lungo termine, con l’attuazione di interventi volti ad evitare l’esposizione traumatica e a ridurre il rischio di ulteriori patologie.

 

 

Tratto da: psypost

 

 

(Taduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

Tags: vittime di bullismo bullismo

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo di essere depressa (1502…

Paola, 22       Buongiorno, sono Paola e ho 22 anni. Le scrivo in quanto è da tempo che non sto bene con me stessa, ho avuto problemi in ...

sig.ra (1502281114213)

vale46, 37       Buongiorno vi contatto per cercare di ristabilire un buon rapporto con mio figlio che ora si trova nella difficile età de...

Problemi con lo studio (150074…

Nicola, 24       Salve sono uno studente universitario fuori corso... ho dei problemi con lo studio ovvero studio ma è come se nn lo face...

Area Professionale

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters