Pubblicità

Il bullismo influenza le strutture cerebrali in adolescenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 477 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

L'esperienza di violenze continue da parte dei bulli durante l'adolescenza ha un impatto sulla salute mentale delle vittime implicando un cambiamento nelle strutture cerebrali.

Bullismo

Lo ha rivelato una nuova ricerca pubblicata sul giornale Molecular Psychiatry del Dr. Erin Burke Quinlan del King's College di Londra, aggiungendo che l'essere vittima di bullismo può anche provocare devianze psicopatologiche rispetto ad uno sviluppo cerebrale normale.

"L'adolescenza non è solo il tempo in cui si è agitati nel fare nuove esperienze ma è anche il periodo in cui c'è un ampio sviluppo cerebrale. E' importante che ogni sforzo fatto per limitare il bullismo avvenga prima che questo implichi problemi gravi che guiderebbero a cambiamenti nello sviluppo cerebrale normale negli adolescenti vittime di bullismo" ha spiegato il Dr. Quinlan.

Il Dr. Quinlan ed i suoi colleghi hanno analizzato i questionari e le scansioni cerebrali di 682 partecipanti dall'Inghilterra, Francia e Germania. Questi partecipanti erano parte del progetto a lungo termine IMAGEN, che valutava lo sviluppo cerebrale e la salute mentale degli adolescenti. Come parte del progetto, le scansioni cerebrali ad alta risoluzione erano effettuate sui partecipanti adolescenti quando avevano dai 14 ai 19 anni.

All'età di 14,16 e 19 i partecipanti completavano anche dei questionari sull'eventualità ed in caso affermativo sull'entità, di esperienze di bullismo. Complessivamente, i risultati mostravano che 36 di 682 adolescenti avevano avuto esperienze persistenti di bullismo. I dati di questi partecipanti erano confrontati con altri che non avevano avuto esperienze costanti di bullismo.

Pubblicità

Sono stati presi in considerazione ,inoltre, anche i cambiamenti nei volumi cerebrali cosi come i livelli di depressione, ansietà ed iperattività all'età di 19 anni. La scoperta chiave dello studio è stata che l'essere vittima in modo persistente di bullismo sia collegato ad una diminuzione del volume in parti del cervello come il nucleo caudato ed il putamen.

Questi cambiamenti possono essere in parte spiegati dalla relazione tra un alto grado di esperienze di bullismo ed alti livelli di ansia generalizzata all'età di 19 anni. "Sebbene classicamente, l'ansia viene considerata rilevante, l'entità dei cambiamenti strutturali nel putamen e nel nucleo caudato nello sviluppo dell'ansia è più probabilmente spiegato dal loro contributo nei comportamenti come sensibilità, motivazione, condizionamento, attenzione, sistema di ricompense e processi emotivi.

Il dato preoccupante è che quasi il 30% di giovani subisce bullismo in modo costante e deve sopportare questi trattamenti giornalmente ed a pagarne il prezzo sono sempre loro per via dei cambiamenti nelle strutture cerebrale e a livello di salute mentale" ha concluso il Dr. Erin Burke Quinlan.

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: adolescenza bullismo vittima news di psicologia nucleo caudato putamen

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni