Pubblicità

Il cervello dei rapper e i circuiti della creatività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 707 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'abitudine a improvvisare (come i rapper quando usano il cosidetto free style) induce una riorganizzazione funzionale della corteccia prefrontale, una regione del cervello associata alla pianificazione del comportamento cognitivo complesso e dei processi decisionali. Lo ha appurato una ricerca condotta da neuroscienziati e psicologi del National Institutes of Health, che firmano un articolo pubblicato su "Nature Scientific Reports".

I correlati neurali della creatività sono un ambito di ricerca in gran parte ancora da esplorare. Siyuan Liu e colleghi hanno scelto di cercare di caratterizzare i processi creativi sottoponendo a risonanza magnetica funzionale soggetti che si dedicano al rap freestyle, la tecnica tipica dell'hip-hop in cui l'artista improvvisa liberamente testi in rima guidato da un ritmo strumentale. Hanno poi confrontato i dati raccolti sui rapper con quelli dell'attività cerebrale di persone impegnate in esecuzioni convenzionali, ossia con testi già noti e imparati.

Tratto da: "lescienze.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni