Pubblicità

Il cervello funziona meglio da freddo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 694 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sbadigliare nell’idea comune è un gesto associato al sonno, alla noia o anche alla fame – reale di cibo o, secondo alcuni, di ossigeno. Oggi, un nuovo studio, suggerisce che in realtà l’atto di sbadigliare serve come aiuto nel regolare la temperatura del cervello, con la complicità dei seni mascellari che fungono da mantice per “soffiare aria”.

 

 

Ad affermare che se qualcuno dinnanzi a noi sbadiglia non lo fa perché lo stiamo annoiando, ma solo per raffreddare il suo cervello, sono i ricercatori statunitensi Gary Hack e Andrew Gallup, rispettivamente dell’Università del Maryland – School of Dentistry e dell’Università di Princeton.
«Il cervello è estremamente sensibile alle variazioni di temperatura e quindi deve essere protetto dal surriscaldamento. I cervelli, come i computer, funzionano meglio quando sono freddi», dichiarano i ricercatori in un comunicato stampa dell’Università del Maryland.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni