Pubblicità

Il cervello peggiora con l'invecchiamento delle arterie

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 518 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I ricercatori dell'Umeå University, in Svezia, hanno presentato un modello che spiega perché la memoria si deteriora con l'invecchiamento del corpo. Con l'età, il cervello riceve un carico maggiore dal battito cardiaco, mentre le grandi arterie del corpo si irrigidiscono nel corso degli anni, causando danni ai più piccoli vasi sanguigni nel cervello.

cervello invecchiamento arteriie

Il fatto che la memoria umana si stia deteriorando con l'aumentare dell'età è qualcosa che la maggior parte delle persone sperimenta prima o poi, anche tra coloro che evitano malattie come l'Alzheimer. Allo stesso modo, è ben nota una connessione tra l'invecchiamento del cervello e il corpo. Tuttavia, la natura esatta di questa associazione non è nota.


"Proponiamo una catena di eventi su come sono collegati l'invecchiamento del cervello e dei vasi sanguigni", afferma Lars Nyberg, professore all'Umeå University.

Ciò che i ricercatori Lars Nyberg e Anders Wåhlin dell'Umeå University hanno creato è un modello esplicativo che parte dal battito cardiaco e attraverso le arterie più grandi del corpo arriva fino ai vasi sanguigni più piccoli del cervello. Una caratteristica importante del modello è che fornisce una logica per cui alcuni processi cognitivi potrebbero essere particolarmente a rischio per il meccanismo proposto.

Con l'invecchiamento del corpo umano, le grandi arterie, come l'aorta, si irrigidiscono e perdono gran parte della loro capacità di assorbire l'aumento di pressione generato quando il cuore pompa il sangue nelle arterie.
Tale pulsatilità della pressione viene trasmessa ai vasi sanguigni più piccoli, come ad esempio quelli del cervello.

I più piccoli vasi sanguigni nel cervello, i capillari, sono soggetti a un aumento dello stress che provoca danni alle cellule, all'interno e attorno alle pareti dei capillari. Queste cellule sono importanti nella regolazione del flusso sanguigno capillare. Se i più piccoli vasi sanguigni sono danneggiati, ciò è dannoso per la capacità di aumentare l'afflusso di sangue al cervello quando si affrontano processi cognitivi esigenti.

Pubblicità


Secondo il modello dei ricercatori, l'ippocampo nel cervello è particolarmente vulnerabile. La struttura in quella parte del cervello è importante per la memoria episodica, cioè la capacità di ricordare eventi del passato. La vulnerabilità dell'ippocampo si riferisce al fatto che si trova vicino ai grandi vasi sanguigni e quindi è esposto all'aumento del carico nelle fasi iniziali di questa catena.

In una persona giovane e sana, le pulsazioni sono più delicate, mentre in una persona che invecchia le pulsazioni possono essere così potenti da influenzare il tessuto cerebrale e possono danneggiare l'afflusso di sangue ai processi della memoria.

Il modello dei ricercatori dell'Umeå University si basa su una serie di studi precedenti eseguiti negli ultimi cinque anni.

"Abbiamo posto l'enigma della ricerca attuale e, verificata in diversi settori, a un quadro più ampio e dettagliato del corso degli eventi. Costituirà un punto di partenza per la ricerca futura per ottenere una migliore comprensione e, a lungo termine, i ricercatori potrebbero trovare anche soluzioni per rallentare il processo", afferma Anders Wåhlin.



FONTE:

  • Anders Wåhlin, Lars Nyberg. At the Heart of Cognitive Functioning in Aging. Trends in Cognitive Sciences, 2019; 23 (9): 717 DOI: 10.1016/j.tics.2019.06.004




Articolo a cura del dottor Andrea di Maio


Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: invecchiamento cervello news di psicologia arterie

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’eccitazione e il piac...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni