Pubblicità

Il cervello usa più risorse nel dimenticare i ricordi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 888 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Scegliere di dimenticare qualcosa richiede al cervello uno sforzo mentale maggiore rispetto al cercare di ricordarlo.

dimenticar ricordi news

Lo studio è stato effettuato dai ricercatori dell'University of Texas di Austin con l'utilizzo di tecniche di neuroimaging.

I risultati, pubblicati nel "Journal of Neuroscience", suggeriscono che nell'atto di voler dimenticare un'esperienza indesiderata il cervello spenderebbe maggiori risorse attentive. Questo risultato sorpredente estende la ricerca passata sul dimenticare intenzionalmente, concentratasi sulla riduzione dell'attenzione alle informazioni indesiderate attraverso il reindirizzamento dell'attenzione lontano dalle esperienze indesiderate oppure sopprimendo il recupero in memoria. "Potremmo voler scartare i ricordi che attivano risposte non adattive, come i ricordi traumatici, in modo da poter rispondere a nuove esperienze in modo più adattivo.

Decenni di ricerca hanno mostrato che abbiamo la capacità di dimenticare volontariamente qualcosa, ma come il nostro cervello lo fa è ancora sconosciuto. Una volta che siamo in grado di capire come i ricordi possano essere cancellati dalla memoria, noi potremo progettare trattamenti specifici di aiuto alle persone al fine di liberarsi di ricordi indesiderati" ha spiegato Jarrod Lewis-Peacock, autore senior dello studio e professore di psicologia alla UT di Austin. I ricordi non sono statici. Sono costruzioni dinamiche del cervello che regolarmente vengono aggiornate, modificate e riorganizzate attraverso l'esperienza.

Il cervello ricorda e dimentica costantemente le informazioni e gran parte di questo processo, avviene automaticamente durante il sonno. Quando parliamo del dimenticare intenzionalmente, gli studi precedenti si sono concentrati sulla localizzazione delle zone di attività di controllo, come ad esempio la corteccia prefrontale, e  le aree coinvolte nella memoria a lungo termine, come l'ippocampo. L'ultimo studio si è concentrato, invece, sulle aree sensoriali e percettive del cervello, in particolare sulla corteccia temporale ventrale e sui modelli di attività  che corrispondono alle rappresentazioni di memoria di stimoli visivi complessi.

Utilizzando tecniche di neuroimaging per tracciare i modelli di attività cerebrale , i ricercatori hanno mostrato ad un gruppo di adulti sani immagini di scene e volti, istruendoli a ricordare o dimenticare ogni immagine. Le loro scoperte non solo hanno confermato che gli esseri umani hanno la capacità di controllare ciò che dimenticano, ma che il dimenticare intenzionalmente con successo richiede moderati livelli di attività cerebrali in determinate aree cerebrali sensoriali e percettive ed è necessaria maggiore attività cerebrale rispetto a quella utilizzata per ricordare.

Pubblicità

"Un moderato livello di attività cerebrale è fondamentale per il normale processo del dimenticare. Se il livello fosse troppo alto il ricordo si rafforzerebbe, mentre un livello troppo basso non cancellerebbe il ricordo. È importante sottolineare che è l'intenzione di dimenticare che aumenta l'attivazione della memoria. Inoltre, solo il raggiungimento di un'attività moderata fa si' che si attui la cancellazione del ricordo" ha spiegato Tracy Wang, autrice principale dello studio e ricercatrice di psicologia, PHD alla UT di Austin.

I ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti erano più propensi a dimenticare le scene piuttosto che i volti in quanto queste ultime possono attivare informazioni emotive. "Stiamo imparando come questi meccanismi cerebrali rispondano a diversi tipi di informazioni e ci vorranno ulteriori ricerche e repliche di questo lavoro prima di capire come utilizzare la nostra capacità di dimenticare.

Questo tipo di studi apre la strada a nuove ricerche future in questo ambito d'indagine, su come riusciamo a liberarci da contenuti emotivi troppo forti che possono avere un forte impatto sulla nostra salute e benessere" ha concluso Lewis-Peacock, che ha iniziato un nuovo studio utilizzando neurofeedback per tenere traccia di quanta attenzione è data a certi tipi di ricordi.

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Arianna Patriarca)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: memoria attenzione news di psicologia dimenticar ricord

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

News Letters

0
condivisioni