Pubblicità

Il comfort alimentare porta a un aumento di peso maggiore durante lo stress.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 140 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Non è un segreto che esagerare con i cibi ipercalorici può essere dannoso per la salute, ma risulta che sotto stress, tenere sotto controllo ciò che si mangia può essere ancora più importante.


cibo stress
Un team guidato dal professor Herbert Herzog, responsabile del laboratorio sui disturbi alimentari presso il Garvan Institute of Medical Research, ha scoperto, in un modello animale, che una dieta ipercalorica associata a stress ha comportato un aumento di peso maggiore rispetto alla stessa dieta in un ambiente senza stress.



I ricercatori hanno rivelato un percorso molecolare nel cervello, controllato dall'insulina, che guida l'aumento di peso aggiuntivo.

I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell Metabolism. "Questo studio indica che dobbiamo essere molto più consapevoli di ciò che stiamo mangiando quando siamo stressati, per evitare uno sviluppo più veloce dell'obesità", afferma il professor Herzog.

Alcuni individui mangiano meno quando sono stressati, ma la maggior parte aumenta l'assunzione di cibo, soprattutto, cibo denso di calorie ad alto contenuto di zuccheri e grassi. Per capire cosa controlli questo cosiddetto 'stresseating', i ricercatori del Garvan hanno studiato diverse aree del cervello nei topi.

Mentre l'assunzione di cibo è principalmente controllata da una parte del cervello chiamata ipotalamo, un'altra parte del cervello, l'amigdala, elabora le risposte emotive, inclusa l'ansia.

Pubblicità


"Il nostro studio ha dimostrato che quando i topi sono stressati per un periodo prolungato e il cibo ad alto contenuto calorico era disponibile, diventavano obesi più rapidamente di quelli che consumavano lo stesso cibo ad alto contenuto di grassi in un ambiente privo di stress", afferma il dott. Kenny Chi Kin Ip, l'autore principale dello studio.

Gli scienziati hanno scoperto che, al centro di questo aumento di peso, vi era una molecola chiamata NPY, che il cervello produce naturalmente in risposta allo stress per stimolare l'alimentazione negli esseri umani e nei topi.

"Abbiamo scoperto che quando abbiamo disattivato la produzione di NPY nell'amigdala, l'aumento di peso è stato ridotto. Senza NPY, l'aumento di peso in una dieta ricca di grassi con stress è stato lo stesso dell'aumento di peso nell'ambiente privo di stress", afferma Dr Ip.

"Questo mostra un chiaro legame tra stress, obesità e NPY". Per capire cosa potrebbe controllare lo stimolo dell'NPY sotto stress, gli scienziati hanno analizzato le cellule nervose che hanno prodotto NPY nell'amigdala e hanno scoperto che avevano dei recettori, o "docking station" (stazioni di attracco) , per l'insulina, uno degli ormoni che controllano il nostro apporto alimentare.

In condizioni normali, il corpo produce insulina subito dopo un pasto, che aiuta le cellule ad assorbire il glucosio dal sangue e invia un segnale di "smettere di mangiare" al centro di alimentazione dell'ipotalamo del cervello.

Nello studio, gli scienziati hanno scoperto che lo stress cronico da solo ha aumentato i livelli di insulina nel sangue solo leggermente, ma in combinazione con una dieta ipercalorica, i livelli di insulina erano 10 volte più alti rispetto ai topi senza stress che facevano una dieta normale.

Lo studio ha dimostrato che questi livelli elevati e prolungati di insulina nell'amigdala hanno causato la desensibilizzazione delle cellule nervose all'insulina, impedendo loro di rilevare completamente l'insulina.

A loro volta, queste cellule nervose desensibilizzate hanno aumentato i loro livelli di NPY, hanno entrambi promosso il consumo e ridotto la normale risposta del corpo di bruciare energia attraverso il calore.

"Le nostre scoperte hanno rivelato un circolo vizioso, in cui i livelli cronici elevati di insulina, guidati dallo stress e da una dieta ipercalorica, promuovevano sempre di più il consumo", spiega il professor Herzog.

"Questo ha davvero rafforzato l'idea che mentre fa male mangiare cibo spazzatura, mangiare cibi ipercalorici sotto stress è un doppio colpo che favorisce l'obesità".

Mentre lo squilibrio insulinico è al centro di una serie di malattie, lo studio indica che l'insulina ha effetti più diffusi nel cervello di quanto si pensasse in precedenza.

"Siamo rimasti sorpresi dal fatto che l'insulina abbia avuto un impatto così significativo sull'amigdala", afferma il professor Herzog.

"Sta diventando sempre più chiaro che l'insulina non colpisce solo le regioni periferiche del corpo, ma regola le funzioni nel cervello. Speriamo di esplorare ulteriormente questi effetti in futuro".

 

fonte:

  • Chi Kin Ip, Lei Zhang, Aitak Farzi, Yue Qi, Ireni Clarke, Felicia Reed, Yan-Chuan Shi, Ronaldo Enriquez, Chris Dayas, Bret Graham, Denovan Begg, Jens C. Brüning, Nicola J. Lee, Diana Hernandez-Sanchez, Gopana Gopalasingam, Julia Koller, Ramon Tasan, Günther Sperk, Herbert Herzog. Amygdala NPY Circuits Promote the Development of Accelerated Obesity under Chronic Stress Conditions. Cell Metabolism, 2019; DOI: 10.1016/j.cmet.2019.04.001

 

Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: stress rapporto col cibo news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni