Pubblicità

Il consumo abituale di tè modula l'efficienza del cervello: prove della valutazione della connettività cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1732 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori hanno reclutato partecipanti più anziani sani in due gruppi in base alla loro  frequenza di consumo di e hanno studiato le reti sia funzionali che strutturali per rivelare il ruolo del bere il nell'organizzazione del cervello.

tè alzheimer

La soppressione dell'asimmetria emisferica nella rete della connettività strutturale è stata osservata a seguito del consumo di . Gli autori non hanno osservato alcun effetto significativo del bere il che riguardasse l'asimmetria emisferica della rete di connettività funzionale.


Il dott. Junhua Li e il dott. Lei Feng affermarono: "Il è una bevanda popolare fin dall'antichità, con documenti relativi al consumo risalenti alla dinastia di Shen Nong (circa 2700 a.C.) in Cina". Il viene consumato in diversi modi, infusi di e prodotti derivanti dal estremamente diffusi in Asia, specialmente in Cina e Giappone.

Sebbene i singoli costituenti del siano stati correlati ai ruoli di mantenimento delle capacità cognitive e di prevenzione del declino cognitivo, uno studio con misure comportamentali e neurofisiologiche ha mostrato che c'era un effetto degradante o nullo quando un componente veniva somministrato da solo e un effetto significativo è stato osservato solo quando i costituenti sono stati combinati.

L'effetto della combinazione è stato dimostrato anche in un esperimento comparativo che ha suggerito che il dovrebbe essere somministrato da solo al posto degli estratti di ; una revisione degli effetti del sulla prevenzione della malattia di Alzheimer ha scoperto che il ruolo neuroprotettivo del alle erbe era evidente in otto studi su nove.

Pubblicità


Vale la pena notare che finora la maggior parte degli studi ha valutato gli effetti del dal punto di vista delle misure neurocognitive e neuropsicologiche, con la misurazione diretta della struttura del cervello o della funzione meno ben rappresentata nella letteratura esistente.

Questi studi incentrati sulle alterazioni regionali del cervello non hanno accertato gli effetti del sulle interazioni interregionali a livello dell'intero cervello.

Il team di ricerca Li/Feng ha concluso: "In sintesi, il nostro studio ha studiato in modo esauriente gli effetti del bere il tè sulla connettività cerebrale su scala globale e regionale utilizzando dati di imaging multimodale e ha fornito la prima prova convincente che il consumo di tè contribuisce positivamente alla struttura del cervello, rendendo più efficiente l'organizzazione della rete".


Fonte

  • Junhua Li, Rafael Romero-Garcia, John Suckling, Lei Feng. Habitual tea drinking modulates brain efficiency: evidence from brain connectivity evaluation. Aging, 2019; 11 (11): 3876 DOI: 10.18632/aging.102023


Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio



Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: Alzheimer, news di psicologia tea

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni